La Corea del Nord effettua un nuovo lancio intercontinentale

Regolare Commento Stampare

R. McMaster, sottolineando che il problema della Corea del Nord non è un "problema fra gli Stati Uniti e la Corea del Nord ma fra il mondo e la Corea del Nord".

(Teleborsa) - Nuovo lancio di un missile intercontinentale da parte della Corea del Nord, che prosegue la sua offensiva militare, costringendo il Consiglio di sicurezza dell'ONU a convocare una nuova riunione d'emergenza su richiesta degli Stati Uniti e del Giappone.

"C'e' un'opzione militare" per la Corea del Nord ma, aggiunge Mcmaster, non è la "nostra preferita".

Le parole arrivano all'indomani dell'ennesimo lancio missilistico da parte del regime di Kim Jong-un, in risposta alle sanzioni decise dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Le consultazioni si svolgeranno nel pomeriggio e saranno a "porte chiuse".E' la seconda volta in da fine agosto che un missile di Pyongyang sorvola l'isola giapponese di Hokkaido, mettendo in allarme il governo di Shinzo Abe. "È di vitale importanza che la Corea del Nord mostri immediatamente un sincero impegno alla denuclearizzazione attraverso azioni concrete, e mostri l'importanza di lavorare per ridurre le tensioni nella penisola e altrove": lo chiedono i membri del Consiglio di Sicurezza Onu in una dichiarazione. Lo stesso capo di Stato ha anche precisato di essere molto vicino, malgrado le sanzioni internazionali, all'ottenimento dell'arma nucleare, definita uno strumento di dissuasione di fronte alla minaccia militare americana.

Un missile, ha chiarito il ministro della Difesa nipponico Itsunori Onodera, lanciato "avendo in mente Guam", territorio statunitense nel mar delle Filippine lontano circa 3.400 chilometri, che il Nord ha minacciato di voler colpire come bersaglio simbolico.