Spalletti: Voglio un'Inter tra fiducia e presunzione, il Crotone è pericoloso

Regolare Commento Stampare

Secondo quanto affermato da Premium SportLuciano Spalletti starebbe valutando di poter lasciare fuori dall'undici iniziale Borja Valero, centrocampista spagnolo arrivato in estate dalla Fiorentina che ha subito preso per mano la squadra riuscendo a dettare tempi e geometrie del gioco dell'allenatore toscano.

L'Inter deve vincere, per Spalletti ancora una chanche per rimanere in vetta alla classifica ed oggi pomeriggio questa possibilità non può sfuggire: c'è un vittoria da raggiungere. Quello di non credersi una squadra forte, c'è un confine tra fiducia e presunzione. Se ti credi forte c'è meno disponibilità per migliorarsi e andare avanti.

L'uomo che ha infilato 3 vittorie nelle prime tre partite di campionato e, di sicuro, non vorrà mancare l'appuntamento con un poker che proietterebbe nel migliore dei modi l'Inter in Europa. Chi gioca? Ho dubbi: "si allenano tutti bene.". Il Sassuolo e' in crisi di risultati, ma non ha sfigurato a Bergamo domenica scorsa, pur perdendo nel finale. "Siamo gente di campagna, sentiamo l'odore della trappola.", disse il tecnico. Disponibile, come di consueto, anche l'opzione "telecronaca del tifoso", che consente di vedere la partita con il commento di Christian Recalcati, giornalista vicino ai colori nerazzurri. "Per crescere serve che i compagni siano stimolati a vicenda". Il nostro calcio non è fatto di palla buttata.

"I super budget delle grandi squadre? Se mettono tanti soldi nel calcio, comunque, non lo trovo neanche sbagliato, ma in mancanza bisogna inventarsi qualcosa". La difesa lavora bene, e quando lavori bene migliori. Mi aspettavo un miglioramento della squadra perché vedo i giocatori lavorare con serenità e voglia. "Abbiamo due titolari fortissimi delle cui potenzialità non ci siamo ancora resi conto appieno". Stesso discorso per il centrocampo, a volte ha giocato uno, a volte un altro. Rispetto all'ultimo incontro tra le due squadre le situazioni sono molto diverse.

"Spero che la situazione nel mio Paese si normalizzi al più presto per permettere ad altri venezuelani di poter coronare i loro sogni come sta capitando a me". Basterà giocare altre partite per vedere che segneranno altri.