Lavoro, Boeri: serve salario minimo legale per tutti

Regolare Commento Stampare

E lo e' proprio perche' parte dalla presa d'atto che ci sono aree di enorme difficolta' sul mercato del lavoro per i giovani e per le donne. Lo ha detto Tito Boeri, presidente dell'Inps, durante un incontro all'Arel. "Abbiamo dei profili salariali che gridano vendetta, si pagano le anzianità e non le competenze ", aggiunge il presidente dell'Inps, "è paradossale che questo tema sia stato depennato".

Per risolvere i problemi del sistema previdenziale è necessario non tanto introdurre misure volte a rispondere all'emergenza, ma strutturare una vera riforma del mercato del lavoro in grado di cancellare, nel lungo periodo, i problemi sulle pensioni che ad oggi interessano per lo più giovani e donne. "I problemi pensionistici nascono da qui". Numeri che Boeri non rende noti, "siamo vincolati alla riservatezza", afferma, sottolineando come sul calcolo del debito "ci sono effetti importanti". Boeri ammonisce poi che "se poi facessimo operazioni come quelle del mancato adeguamento dell'età di pensionamento alla speranza di vita, dopo aver venduto a tutti che abbiamo un sistema delle pensioni stabile, aumenterebbe il premio al rischio Italia e ci toglierebbe risorse per politiche per lo sviluppo, anche perché le banche sono imbottite di nostri titoli pubblici".

"Trovo davvero grave", ha lamentato, "che il Parlamento non abbia reso pubbliche le cifre sui contributi versati dai diversi parlamentari". Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l'ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.

Sulla questione dei vitalizi, Boeri spiega che "fra parlamentari e consiglieri regionali, si possono trovare 150 milioni" ma servirebbe più "trasparenza". "Volessimo fare ricalcoli precisi sui contributi versati, non potremmo".

Ape social estesa e strutturale e requisiti ridotti per le donne in relazione al numero di figlio sono soltanto due delle ultime news sulle pensioni per le quali il presidente Boeri ha apertamente dichiarato la sua secca disapprovazione.