Educazione alla gioia, il Dalai Lama a Taormina: incontro al teatro

Regolare Commento Stampare

Catania - "Ho portato il saluto della città a sua santità il Dalai Lama, atterrato a Catania e che sarà nei prossimi giorni a Taormina e a Messina". Domani infatti è in programma l'incontro al Teatro Vittorio Emanuele di Messina e lunedì quello a Palermo.

Inoltre, a margine della conferenza, verranno conferite al Dalai Lama le cittadinanze onorarie dei Comuni di Ventimiglia di Sicilia e Isola delle Femmine, oltre che una medaglia della città di Palermo.

Ha dichiarato il sindaco di Catania Enzo Bianco dopo aver accolto, nell'aeroporto di Catania, insieme con il sindaco di Messina Renato Accorinti e l'ad di Sac Nico Torrisi, Tenzin Gyatso, 82 anni, massima autorità spirituale del Buddismo e premio Nobel per la Pace nel 1989. Il leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per la Pace, nel suo tour italiano di cinque tappe, farà visita successivamente a Palermo, Firenze e Pisa.

Subito dopo il Dalai Lama ha iniziato la sua lectio magistralis sul tema "la pace e l'incontro tra i popoli". Il primo degli incontri in programma si è tenuto al teatro Antico, dove è stata conferita l'onorificenza della Città metropolitana di Messina al Dalai Lama, in qualità di "testimone di pace e solidarietà nel mondo e come riconoscimento del suo impegno a favore del dialogo, della pace e del suo messaggio di fratellanza universale, teso all'affermazione dei valori di libertà, di nonviolenza e dei diritti umani". "Una opportunità per l'evoluzione dell'umanità" e "In cammino verso la Saggezza e la Felicità attraverso la meditazione". Al Teatro Massimo - al centro di un complesso sistema per garantire la sicurezza di Sua Santità - potrà accedere soltanto chi è provvisto del biglietto o dell'apposito pass. Tantissimi i giornalisti e le troupe televisive che in queste ore stanno sbarcando a Palermo per seguire l'evento.

Il Sindaco ha accolto il Dalai Lama, giunto con un jet privato, davanti la scaletta dell'aereo e, dopo avergli dato il benvenuto, gli ha consegnato un dono fatto realizzare appositamente per lui. Al termine della conferenza lascerà il capoluogo siciliano per recarsi in Toscana. Non prima di aver ricevuto alcuni doni-simbolo: un Ficus religiosa, per esempio, l'albero sacro per eccellenza per i buddisti, gianisti e induisti.