Napoli in silenzio stampa: scelta personale del mister

Regolare Commento Stampare

C'è un fattore che accomuna il Napoli e lo Shakhtar: entrambe hanno un gran feeling con il gol. "Vi posso assicurare che faremo tutto il possibile per vincere domani". Il calendario è una follia, quando dicevo che era folle tenere aperto il mercato fino a fine agosto dicevano che mi lamentavo. Non credo neanche sia un salto di qualità, a me piace comunque giocare bene per 90' e non per 40 o 50'. Se passiamo indenni i momenti difficili della partita andiamo anche a fare risultato con i colpi davanti che abbiamo. L'obiettivo però resta quello di prendere in mano la gara all'inizio e lasciarla andare al triplice fischio. "Quando un fuoriclasse è in un momento poco brillante, lo faccio giocare e lo supporto ancora di più".

Nelle prossime settimane gli uomini di Sarri saranno chiamati ad una importante prova di maturità: infatti, gli azzurri affronteranno un trittico di partite importanti che inizierà con il derby contro il Benevento al San Paolo e con due trasferte consecutive, prima a Roma contro la Lazio e poi con la visita alla Spal neopromossa, partite che potranno dire molto sulla maturazione globale della squadra. Il calendario non ci aiuta, con dieci giorni di nazionali non ti puoi allenare in vista di partite ogni tre giorni. Nell'ultimo anno sono cresciuto molto mentalmente: mi sento più forte. "Ora mi sento al 100%, pronto per giocare". Proprio l'anno scorso a Kiev l'attaccante azzurro segnò una doppietta contro la Dinamo. È una squadra che ci metterà in grande difficoltà, che ci concederà anche opportunità e lì dovremo essere bravi.

Meno uno all'esordio del Napoli nei gironi di Champions League: gli azzurri sono atterrati nel pomeriggio in Ucraina, dove domani sera sfideranno lo Shakhtar Donetsk.