Chikungunya: le zone a rischio per la zanzara infetta a Roma

Regolare Commento Stampare

Il governatore ha incontrato ieri le associazioni di volontariato attive nel settore delle donazioni di sangue per chiedere una "spinta di solidarietà" e ha ringraziato le regioni per il loro contributo.

Si tratta quindi di una malattia "ubiquitaria" che nel 2007, nel ravennate, coinvolse più di 250 persone.

La malattia è caratterizzata da febbre acuta e trasmessa da zanzare infette del genere Aedes, come Aedes aegypti (che trasmette anche la febbre gialla e la dengue) e Aedes albopictus, comunemente chiamata zanzara tigre.

L'azienda Usl di Modena ha accertato un caso di Chikungunya per un residente di Casinalbo. "L'impatto di queste misure è molto pesante, basti pensare che la Asl Roma 2 ha una popolazione pari a una regione come il Friuli Venezia Giulia - sottolinea il Civis, coordinamento delle predette associazioni e federazioni - e le associazioni sono pronte a coordinarsi tra loro ed a modulare gli sforzi per far fronte agli sviluppi ed al protrarsi della situazione".

L'obiettivo è raccogliere 500 unità di sangue alla settimana per tutto il periodo dell'emergenza Chikungunya, da destinare alla capitale. "Chiediamo ai nostri donatori uno sforzo straordinario, certi che come sempre la risposta ci sara' - dice l'assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-". Per i donatori di sangue va invece valutata la possibilità di stop o di rinvio alle donazioni per chi è stato in Italia. "Sono state attivate tutte le misure possibili per evitare eventuali carenze a Roma - spiega il direttore del Centro, Giancarlo Maria Liumbruno -, a partire dalla mobilitazione delle scorte accantonate per le maxi-emergenze".

Intanto l'Avis, l'associazione dei volontari donatori sangue, si è già mobilitata per sopperire all'emergenza.

Nel Lazio si allarga area diffusione del virus.

Europeo di Controllo delle Malattie (Ecdc) in un documento di valutazione del rischio legato ai focolai italiani. La malattia tropicale deve il suo nome alla lingua dell'etnia makonde: il termine Chikungunya infatti significherebbe "ciò che piega" o "contorce", e alluderebbe proprio alle serie artralgie che la patologia provoca nei soggetti contagiati. Finora si sono rese disponibili a inviare sangue Calabria, Molise, Emilia Romagna, Sicilia, Liguria, Lombardia, Marche, Provincia Autonoma di Trento, Veneto e Toscana, mentre le altre si stanno ancora organizzando anche con raccolte straordinarie. "Oggi e' arrivata dalla Regione al Comune (per conoscenza al ministero e alla prefettura) una nuova diffida per una disinfestazione immediata", ha detto il ministro della Salute.