Pulvirenti torna a parlare: "Truffato ma responsabilità morale è mia"

Regolare Commento Stampare

"Oggi è arrivato il momento di parlare".

"Torno in conferenza stampa a distanza di due anni".

Due anni di silenzio per rimediare alle accuse giudiziarie che lo hanno coinvolto. La prima non si è verificata e la seconda si. Sentivo bisogno di chiarire alcune cose. Abbiamo chiuso l'iter emissione di un bond investitori internazionali e quindi è andato a buon fine il piano di ristrutturazione societario.

COSENTINO - "Faccio un passo indietro". Pulvirenti ha poi inziato a parlare degli errori commessi nel passato: "Cosentino (direttore sportivo del Catania Calcio) - ammette - e' stato il mio piu' grande errore". Gasparin non accetta l'incarico e va via. Questo è stato il più grande errore che ho fatto, scegliere Cosentino. Vedere il Catania in queste condizioni perchè ho scelto di affidare tanto a questa persona. Ancora oggi non mi spiego questo errore. Ho subito cercato di trovare una soluzione, subito dopo i treni del gol, avevo delle risorse all'estero e la prima cosa che ho fatto è stata prendere gran parte dei miei soldi per permettere al Catania di iscriversi.

AI TIFOSI - "Chiedo scusa per la frase che dissi ai microfoni di Sky offendendo i tifosi". Non lo penso, ho sbagliato. Rileggendo le carte abbiamo la certezza che si è trattata di una truffa nei miei confronti. Resta sempre il problema morale perchè io moralmente sono responsabile ed ho sbagliato. Posso dire senza ombra di smentite che nessuno mi ha offerto concretamente un euro per acquistare la società. Ho sempre avuto dei dubbi su come sono andate le cose nel processo dei Treni del Gol. "Come Finaria abbiamo ristrutturato il debito, messo da parte anche il concordato WindJet che è stato pagato, rimane solo una rata che tocca a me rimane circa un milione da pagare". Se fossi un tifoso non so se avrei ancora fiducia in Pulvirenti. Ma guarderei con curiosità, con scetticismo ma con un pizzico di fiducia. Io oggi provo disagio ad andare allo stadio, nonostante il daspo tolto, perchè so di aver fatto male a tanta gente. Arbotti viene giudicato dal giudice Artico e lo assolve dall'Art. "Questi sono i dubbi che questa vicenda si porta dietro, ovvero un giudizio totalmente diverso dello stesso fatto". Da Pablo Cosentino ai treni del gol passando per il ritorno di Pietro Lo Monaco, ma la notizia principale sta nel reset della società e della holding Finaria. È' stato per me l'avvio del riscatto, la volontà c'è stata sin dal primo giorno. La Gea ha collaborato con il Catania solo per una stagione, ma per l'aspetto legato al merchandising. "Con il gruppo Bacco non si è mai arrivati ad una trattativa, ma è una persona che vuole bene al Catania ed infatti è nostro sponsor".