Benevento, Baroni: "Io in bilico? Mi sento tranquillo"

Regolare Commento Stampare

Dopo aver perso una partita al 93′ contro il Torino abbiamo ricevuto l'applauso spontaneo dei tifosi ed è stato riconoscente. Iemmello ha un'infiammazione al tendine rotuleo, abbiamo voluto verificarne l'entità e abbiamo deciso di farlo restare fermo in modo precauzionale. Lazaar ha avuto un fastidio al tallone dopo aver cominciato il riscaldamento, mentre Venuti accusa un leggero fastidio alla caviglia. Costa invece è ancora un po' indietro ai problemi che ha avuto, contiamo di recuperarlo a breve.

Marco Baroni, allenatore del Benevento, è intervenuto in conferenza stampa in vista del match contro il Napoli: "Inutile esprimersi sulle qualità di gioco del Napoli". E' chiaro che stiamo parlando di una squadra difficile che ha il dominio del gioco; spesso ha questa ricerca costante della palla in verticale e sono davvero bravi ad attuarla. Bisogna ridurre al minimo le loro potenzialità offensive. "Sappiamo che è una gara difficile ma noi la affronteremo con il piglio giusto". Non sta nella nostra filosofia. Sono queste partite che hanno la bellezza di andare a misurarti con grandi campioni che stanno facendo un calcio straordinario. Il Benevento crea occasioni, si sacrifica, subisce poco, non dobbiamo perdere questo filo conduttore perché ci porterà risultati. "Le sconfitte non hanno minato la nostra voglia, di questo ne sono straconvinto". Abbiamo sciupato tante situazioni, con un po' di concretezza in più questa squadra trova poi la strada giusta per fare punti.

Sul turnover? Ci può stare su qualche scelta, su giocatori che possono avere difficoltà nel fare tre gare consecutivi. Valuterò la condizione fisica di tutti e anche la tenuta. Abbiamo giocatori che non hanno i novanta minuti nelle gambe e per la gestione dovrò stare molto attento. Per quanto riguarda il Napoli per loro non sarà un problema questa gara giocata dopo pochi giorni dal turno di Champions League.

SUBIRE POCO - "Il Benevento è terzo per tiri verso la porta". E' successo, non sono abituato a piangermi addosso.

RITORNO DA "EX" - Non ho bisogno di raccontare ai miei ragazzi cosa si prova a tornare lì al San Paolo, il mio pensiero ora è rivolto solo al Benevento, nella consapevolezza che andiamo ad affrontare una partita proibitiva, e nel clima che troveremo lì dentro allo stadio, ci sarà la bellezza di questo incontro che andremo ad onorare per i nostri tifosi. Questa è la serie A. Occorre grandissima tensione sempre in qualsiasi frangente. Avendo subito un gol nel tempo di recupero dove non hai neanche il tempo di reagire è stato veramente duro, anche perché veniva fuori da una partita ben condotta.