Caligara debutta in Champions, per il 2000 bianconero una serata da ricordare

Regolare Commento Stampare

Ovviamente tutti i riflettori sono puntati addosso alle due punte di diamante delle due squadre: Messi e Dybala. Bastava spostare Barzagli e inserire Rugani. In avanti Dybala e Higuain devono fare la differenza.

La Juve, come detto, è scesa in campo con una formazione rimaneggiata ma ha giocato a viso aperto e a testa alta contro il Barcellona, al Camp Nou.

Il secondo tempo si apre con i catalani in palla: ancora Messi al 52′ colpisce il palo dalla distanza e grazia la Vecchia signora. La prima vera grande occasione per la squadra di Valverde arriva solo al 38′, quando De Sciglio (poi sostituito da Sturaro per infortunio) con un retropassaggio sciagurato quasi mette in porta Dembele. Del resto, anche il Barcellona è partito fortissimo (tre vittorie su tre, 9 reti all'attivo e zero subite) e vola nelle quote sul match di domani: favorito a 1,75 ha raccolto il 65% dei consensi.

TOP: Messi 8 - Spettacolo puro, offre calcio in lungo e in largo, siglando una doppietta d'autore lasciando entrambe le volte Buffon di stucco. Forse abbiamo giocato meglio nel secondo tempo, ma per arrivare a quello abbiamo combattuto tanto nel primo e nel finale siamo riusciti a trovare il momento giusto per passare in vantaggio. Non faccio pronostici, ma qualora la Juventus dovesse uscire dal Camp Nou con un pareggio, sarebbe già un ottimo risultato, anche se è scontato dire che i tifosi vorrebbero rivedere le gesta e la prestazione eccelsa della gare di andata dei quarti giocata a Torino l'anno scorso.

Anche in casa Barcellona le assenze non mancano.

Al 69′ arriva anche la rete del tris azulgrana, ancora con Messi che prende il tempo alla sguarnita retroguardia bianconera, battendo Buffon ancora una volta. I bianconeri provano una timida reazione con Benatia, Dybala e Pjanic ma non superano il muro del Barcellona.

Il suo pronostico su Barcellona Juventus?

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen 6, Semedo 6, Piquè 6,5, Umtiti 6,5, Jordi Alba 6,5; Rakitic 7 (77' Paulinho 6), Busquets 6,5, Iniesta 7 (83' André Gomes sv); Messi 8,5, Suarez 7, Dembelé 6,5 (71' Sergi Roberto sv). A disp.: Cillessen, Mascherano, Denis Suarez, Deulofeu.

Formazione nuova nel modulo e negli uomini: Benatia in mezzo con Barzagli, esordio dal 1′ per De Sciglio a far coppia con Alex Sandro sugli esterni, Bentancur in mezzo con Matuidi guardie di Pjanic, Douglas Costa e Dybala alle spalle di Higuain.