Vaccinazioni, ecco le modalità di attestazione per l'iscrizione alle scuole

Regolare Commento Stampare

La coppia potrà sporgere denuncia. Se il vaccino avesse un ruolo nel causare o nel promuovere l'autismo troveremmo tra i vaccinati una maggiore incidenza, cosa che non accade.

Eppure, nonostante questa evidenza, c'è chi da tempo propone di effettuare presunti test pre-vaccinali per stabilire se il bambino potrà sopportare le vaccinazioni.

"Se un genitore non ha fatto vaccinare il proprio figlio e continua a mantenere un atteggiamento contrario - aveva detto qualche giorno fa la ministra Fedeli - il lavoro più importante da fare come istruzione è proprio motivarlo, coinvolgerlo e convincerlo sull'importanza del vaccino per il proprio figlio e per il bene della comunità".

Nelle scuole di città e dell'hinterland spuntano anche famiglie che esplicitamente hanno spiegato di essere contrarie a sottoporre i figli a tutte le vaccinazioni introdotte dal decreto estivo. In questo caso, il termine ultimo per produrre i documenti richiesti è fissato al 10 marzo 2018. Lei però ha rifiutato e ha chiesto l'intervento dei Carabinieri e della polizia locale. Entro il 10 marzo, invece, sempre alle scuole dovranno arrivare tutti i certificati altrimenti il bambino non vaccinato dovrà restarsene a casa. Ciambellotti racconta anche di aver incontrato i rappresentanti di Cliva, il "Comitato per la libertà di scelta vaccinale": "Li ho invitati a riflettere e a prendere un appuntamento con il Comune per confrontarsi".

Ancora ieri sono state più di mille le telefonate e pure le segreterie delle scuole sono tempestate di richieste di informazione. Dopo questa data, per gli inadempienti scatterà l'allontanamento dall'asilo o la sanzione pecuniaria (per gli studenti delle elementari, medie e superiori fino a 16 anni). La documentazione va presentata entro il termine di scadenza dell'iscrizione. I genitori possono presentare un modulo di autocertificazione (scaricabile anche dal sito https://urlsand.esvalabs.com/?u=http%3A%2F%2Fwww.atssardegna.it&e=7513e47f&h=b35d70e6&f=n&p=y), oppure la copia del libretto personale delle vaccinazioni o ancora il certificato di vaccinazione. Se permanere l'irregolarità, partiranno delle raccomandate. La novità dell'inizio dell'anno scolastico riguarda i vaccini: per poter accedere regolarmente a queste strutture sarà obbligatorio essere vaccinati contro 10 malattie, ovvero poliomielite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Haemophilus influenzae tipo b, morbillo, rosolia, parotite e varicella.

I vaccini sovraccaricano il sistema immunitario: non è vero - Le singole sostanze in grado di stimolare una risposta immune si chiamano antigeni. Il Garante autorizza le scuole ad inviare gli elenchi degli iscritti dalle Asl ma non autorizza la restituzione dei dati sensibili dalle Asl alle scuole.

"Rimangono tuttavia alcuni aspetti critici nella gestione dei dati tra scuole e Asl, perché consentire alle istituzioni scolastiche di dar vita a questo incredibile flusso di dati personali senza aver adeguatamente valutato e messo in condizione le scuole di dotarsi di idonee misure tecnico-operative, equivale ad innescare una miccia, che potrebbe portare alla violazione della normativa posta a tutela dei dati personali con ogni evidente conseguenza sul piano civile, penale, amministrativo ed erariale" - conclude Rienzi.