Us Open, Sloane Stephens regina di Flushing Meadows

Regolare Commento Stampare

Roma, 8 set. (askanews) - Saranno Sloane Stephens e Madison Keys a contendersi domani il trofeo degli Us Open in corso sul cemento di Flushing Meadows.

Non riesce a centrare la sua quinta finale in carriera agli US Open Venus Williams, che in semifinale si è arresa alla connazionale Stephens 2-1. Queste donne incredibili continuano a cambiare il gioco e portano l'eccellenza, il potere e il cambiamento al tennis.

A gennaio infatti la Stephens, 24 anni, figlia di John, un ex runnerback dei New England Patriots - con cui si era riconciliata anni fa appena prima della sua morte in un incidente d'auto - e di Sybil, la prima nuotatrice afro-americana a diventare all american, si era sottoposta ad un intervento chirurgico per una frattura al piede che l'ha costretta a 15 settimane di gesso.

La seconda semifinale, invece, sostanzialmente, non è nemmeno iniziata.

"Non ho parole per esprimere quello che provo - ha commentato la Stephens - Se mi avessero detto che al rientro nel circuito avrei fatto semifinale a Toronto e Cincinnati e finale a New York, non ci avrei creduto".

Gli Us Open 2017 sono in diretta tv su Eurosport, che rimane canale unico di riferimento per i match di singolare ora che ne sono rimasti soltanto una manciata. "Se siamo qui è grazie a Serena e Venus", dice Sloane. "Oggi non ho giocato il mio miglior tennis, e me ne dispiace, ma se dovevo perdere da qualcuno sono contento sia stato da lei". Agli Us Open, una epilogo totalmente "made in Usa" non succedeva dal 2002 (Serena batté Venus) e senza una Williams, dal 1984 (Navratilova contro Evert). Non basta? Nel 2017 la Stephens è 7-0 nei match andati al terzo set, segno di una fiducia psicologica che ha ritrovato in pieno.