Spalletti: "Vietato sottovalutare la Spal"

Regolare Commento Stampare

Roberto Gagliardini: "Era una partita delicata contro una squadra che ha entusiasmo".

Luciano Spalletti è probabilmente il colpo di mercato più importante effettuato dall'Inter nei mesi scorsi. "La qualità dei ragazzi è altissima - ha dichiarato l'ex romanista - ho trovato gente disponibile, motivata, professionisti veri. C'è la possibilità di fare più gavetta con le tantissime squadre che ci sono, si finisce poi per vivere a panee strategie, è un campanilismo continuo". Non staccano mai la spina.

Nel corso dell'intervista, Spalletti, fra le altre cose, ha parlato della difesa dell'Inter, spendendo parole d'elogio per Miranda e Skriniar: "Manca un centrale, ma posso garantire che Ranocchia e D'Ambrosio sono difensori da Inter". Si parla tanto di obiettivi, ma porne uno grande come lo scudetto non me la sento. Skriniar? L'anno prossimo tutti i club del mondo ce lo chiederanno: non sarà bello da vedere, ma è terribilmente efficace. La Spal cerca sporadicamente di arrivare in area avversaria e a volte ci riesce, soprattutto con Borriello e Paloschi, che in pieno recupero, al 47′, per poco non sorprende la retroguardia nerazzurra. Anche nel secondo tempo la Spal ha confermato di essere un'ottima squadra, ben organizzata e ben disposta in campo da Semplici: per alcuni tratti si è messa a far la partita, guidata da Schiattarella, e ha creato pure qualche apprensione nell'area interista. Un altro tiro di Gagliardini al quarto d'ora dai venti metri ha lo stesso esito del precedente, Gomis la prima parata la effettua al 21′ su una debole conclusione di Perišić. In avanti, Borriello dovrebbe essere affiancato da Antenucci. Resterà fedele al modulo, il 4-2-3-1 con Mauro Icardi in strepitosa forma, unico terminale offensivo davanti al classico tridente trequartista che potrebbe annoverare delle novità.

"Direi di no. Abbiamo provato i lanci lunghi per farci trovare pronti a certe situazioni che possono capitare durante la partita, ma non è il nostro tipo di gioco".

'l'Inter che mi aspettavo dopo averla conosciuta in maniera profonda. Vedo un calciatore che può diventare un futuro capitano dell'Inter.