Vaccinazioni obbligatorie a scuola, ecco tutte le info

Regolare Commento Stampare

Smentisce i disagi nelle strutture per la corsa alle vaccinazioni, infine, il direttore generale dell'Asl Ba, Vito Montanaro: "Non è in atto alcuna corsa alla vaccinazione".

Sono esonerati dall'obbligo di vaccinazione i soggetti immunizzati per effetto della malattia naturale.

L'obbligatorietà dei richiami vaccinali.

Inoltre è possibile somministrare sei vaccini insieme, con l'esavalente (anti-poliomielite, anti-difterite, anti-tetano, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus Influenzae tipo b), e quattro vaccini in una volta con il quadrivalente (anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella).

Le 4 vaccinazioni offerte attivamente e gratuitamente, invece, sono quelle contro meningococco B, meningococco C, pneumococco e rotavirus.

Con l'approvazione della legge sui vaccini obbligatori i bambini non vaccinati non potranno essere iscritti agli asili nido né alle scuole dell'infanzia, pubbliche e private, già dall'anno scolastico 2017-2018. Il provvedimento Lorenzin stabilisce come termine il 31 ottobre per le scuole dell'obbligo e 10 settembre per i nidi e le scuole dell'infanzia.

- Copia di formale richiesta di vaccinazione all'azienda sanitaria locale territorialmente competente, con attestazione avente data certa di avvenuta ricezione della stessa da parte del competente servizio della ASL, o in alternativa dichiarazione sostitutiva di avvenuta presentazione della richiesta di vaccino, corredata da copia fotostatica firmata e datata del documento d'identità in corso di validità del soggetto dichiarante. E' compito delle famiglie presentare la documentazione (copia del libretto sanitario delle vaccinazioni) che certifica le vaccinazioni effettuate. Boom di affluenza nei centri di vaccinazione delle Asl di Napoli, presi d'assalto dalle famiglie, con le persone in fila anche prima dell'apertura degli ambulatori.

Chi è in attesa di essere vaccinato, nella fascia di età da 0 a 6 anni, può comunque frequentare l'asilo nido o la scuola dell'infanzia, dopo aver presentato la prenotazione della vaccinazione. Condizioni cliniche che "devono essere attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta - dice ancora la circolare - e coerenti con le indicazioni fornite dal ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità".

Il piano di vaccinazione prevede 250 vaccinati al giorno. Chi ha presentato questa dichiarazione sostitutiva dovrà presentare la documentazione comprovante l'avvenuta vaccinazione entro e non oltre il 10 marzo 2018.

Il Miur parla chiaro.

Pronto anche un sito web dal quale scaricare l'autocertificazione necessaria solo a chi deve ancora mettersi in regola.

Cosa serve per l'iscrizione a scuola? I genitori in questo caso compilano una autocertificazione (disponibile nelle scuole e anche in allegato in fondo all'articolo) da consegnare entro il 31 ottobre 2017 ai fini dell'iscrizione a scuola.

Successivamente, alla mancata presentazione per l'appuntamento vaccinale, si procederà alla visita domiciliare per cercare di recuperare il soggetto inadempiente alla vaccinazione prima di procedere con le sanzioni amministrative.