Trovato cadavere di un 42enne in auto bruciata: indagini in corso

Regolare Commento Stampare

La vettura, una Fiat Panda, era parcheggiata in una strada di campagna che scorre a lato della provinciale 127, tra Pognano e Arcene.

Il corpo carbonizzato di un uomo è stato trovato in un'auto completamente distrutta dalle fiamme a Pognano, vicino Bergamo, nella notte tra il 3 e il 4 settembre.

L'auto è risultata intestata a un uomo di 42 anni, di Val Brembilla, paese della valle Brembana che dista 35 chilometri da Pognano, e gli inquirenti ritengono che il cadavere all'interno dell'abitacolo, seduto al posto di guida, sia il suo: la certezza si potrà però avere soltanto con l'esame del Dna, visto che i resti carbonizzati non consentivano di appurarne l'identità. La scoperta è stata fatta dai Vigili del Fuoco intervenuti per spegnere l'incendio che ha interessato l'autovettura.

I vigili del fuoco hanno subito avvertito le forze dell'ordine. Ma non è detto si tratti di lui.

Sul posto sono giunti i Carabinieri di Treviglio, che indagano sulla vicenda.

Al momento dunque le indagini sono a tutto campo. È proprio quest'ultima la pista più accreditata. Al momento non si esclude alcuna ipotesi: da quella dell'omicidio, per ragioni che al momento paiono oscure, a quella del suicidio, con un tragico gesto per cause misteriose.

Lungo la stradina del rogo non stati rinvenuti elementi che facciano pensare a un agguato.

Spente le fiamme i po, pieri si sono accorti che all'interno dell'auto c'era il corpo carbonizzato.