Pierpaolo Zavettieri esprime solidarietà al Sindaco di Taurianova Fabio Scionti

Regolare Commento Stampare

La macchina, una Toyota Yaris, era parcheggiata accanto al muro di cinta dell'abitazione del primo cittadino ed è stata sventrata dalla deflagrazione.

Eletto nel 2015 dopo un periodo di commissariamento del comune per infiltrazioni mafiose, il sindaco è anche consigliere della città Metropolitana con delega a vari settori strategici come lavori, pubblici e urbanistica. Dopo il fortissimo boato, lo scenario che si è presentato agli occhi dei primi intervenuti e delle forze dell'ordine è stato raccapricciante. "Sono frastornato, ho bisogno di capire e spero che presto si arrivi ad una verità" ha detto il sindaco. Ma non si escludono altre piste.

A nome del Comitato "DDL" -Diritti, Democrazia e Libertà- non posso non esprimere la più netta condanna dell'attentato dinamitardo di sapore terroristico perpetrato ai danni del Sindaco di Taurianova Fabio Scionti. "Al sindaco non ho potuto che ribadire l'invito a proseguire nel suo incarico nell'esclusivo interesse di Taurianova e dei suoi cittadini" ha concluso il segretario. Rivolgo a Scionti la mia piena solidarietà e la vicinanza alla sua famiglia dopo un attacco di inaudita gravità che colpisce tutta la Calabria onesta e su cui è indispensabile fare tempestivamente piena luce. "Contestualmente auspico che le autorità di pubblica sicurezza assumano ogni provvedimento idoneo a garantire la serenità e l'incolumità del sindaco di Taurianova, che dal momento della sua elezione - conclude Irto - ha intrapreso un percorso fondato sulla legalità e su una linea di assoluta trasparenza amministrativa". All'inizio dell'anno gli sono state recapitate una serie di lettere minatorie contenenti minacce di morte.