Ginosa: giovane bracciante muore nei campi

Regolare Commento Stampare

Lavorava nei campi di Ginosa, in provincia di Taranto, poi si è improvvisamente accasciata a terra: è morta così Giuseppina Spagnoletti, bracciante di 39 anni e originaria di Lizzano ma residente a Bernalda, in provincia di Matera. Si indaga anche per verificare la regolarità delle condizioni di lavoro della donna.

La vicenda richiama alla mente quella analoga di Paola Clemente, la bracciante di san Giorgio Jonico morta il 13 luglio del 2015 mentre lavorava all'acinellatura dell'uva nelle campagne di Andria. In quel caso, fu accertato che la donna veniva sfruttata e sottopagata nei campi e lo scorso febbraio le indagini sono sfociate nell'arresto di sei persone. Il team medico, però, non ha potuto fare nulla: la bracciante era morta. La donna era regolarmente assunta, e secondo alcune testimonianze, soffriva di patologie cardiache.