Uruguay: arrestato Morabito, superlatitante della 'ndrangheta

Regolare Commento Stampare

(Ultime Notizie - Ultim'ora di lunedì 4 settembre 2017) E' stato catturato in Uruguay il boss della 'ndrangheta Rocco Morabito, latitante da 23 anni. "Dopo sei mesi di intense attività d'informazione e intelligence è stato accertato" che Morabito aveva ottenuto "documenti uruguaiani presentando documenti brasiliani con il nome di 'Francisco Capeletto'", precisa una nota del ministero degli Interni uruguaiano. Insieme a Morabito è stata arrestata sua moglie, una donna angolana con passaporto portoghese.

"Morabito era uno dei dieci mafiosi piu' ricercati in Italia: "'u Tamunga", come era soprannominato dalla storpiatura del nome dell'indistruttibile fuoristrada tedesco Dkw Munga, a 25 anni aveva lasciato l'Aspromonte per Milano dove era entrato nel giro dei giovani rampanti del centro per curare lo spaccio di cocaina. Sequestrati 13 cellulari, una pistola, 12 carte di credito, assegni in dollari e 150 foto carnet con il viso del detenuto. Presto Morabito verrà estradato in Italia. Il boss reggino di 'ndrangheta, 51anni, originario di Africo, è stato rintracciato ed arrestato in un hotel a Montevideo, capitale dell'Uruguay. Nello specifico, il capomafia è accusato di aver fatto parte tra il 1988 e il 1994 di un'organizzazione criminale dedita al narcotraffico, nella quale lui si occupava di gestire il trasporto della droga in Italia e la distribuzione a Milano.

Tra i diversi carichi effettuati gli investigatori ricordano in particolare quello del 1993: 32 kg di cocaina da portare in Italia, un'operazione fallita per la cattura in Francia di un trafficante; un altro maxi trasporto da 592 kg, nel 1992, droga partita dal Brasile, sempre in direzione del nostro paese, ma confiscata.