Trema il Catanese: 15 scosse tra Santa Maria di Licodia e Ragalna

Regolare Commento Stampare

Una serie di 15 scosse di terremoto, la più forte delle quali di magnitudo 3.3, è stato registrato tra le 23.57 della notte scorsa e le 3.07 di stamane nell'area tra Santa Maria di Licodia e Ragalna, in provincia di Catania.

La seconda scossa invece ha avuto magnitudo 2.3 ed è stata registrata alle 00.09, con epicentro nella stessa zona, tra i comuni di Ragalna e Santa Maria di Licodia. Anche in questo caso, così come avvenuto per il primo movimento tellurico individuato a largo della costa tirrenica, il sisma si è tenuto a distanza di sicurezza dai comuni dell'entroterra. La città più vicina all'epicentro è Amantea, a 18 km. Un sisma di magnitudo 3.3 sulla scala Richter che ha interessato in particolare la provincia di Catania, con epicentro individuato a pochi km dal comune di Santa Licodia. La scossa, seppur di breve durata, è stata chiaramente avvertita dalla popolazione locale ma fortunatamente non è stato segnalato alcun danno a persone o cose. Secondo i dati Ingv, l'ipocentro del fenomeno localizzato ad una profondità di circa 6 chilometri.

Non solo la Sicilia nel radar dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Profondità variabile tra 13 e 25 km. Vista la scarsa entità della magnitudo e soprattutto la profondità elevata da cui il terremoto è scaturito, la popolazione non si è avveduta della scossa, né sono stati registrati danni.