Pescara, Zeman: "Siamo forti ma non siamo i favoriti"

Regolare Commento Stampare

Non poteva esserci inizio migliore per il Pescara che, allo Stadio Adriatico, batte 5-1 il Foggia.

Dato per assodato che il pronostico per il match tra Pescara Foggia, primo posticipo della 1 giornata della Serie B, sorride ai delfini andiamo quindi a conoscere quali sono le quote fissate dalla snai per il risultato stato della sfida. Ad aggiudicarsi la contesa sono gli abruzzesi che, con un pokerissimo, piegano i satanelli. Mancini morì il 30 marzo del 2012 a Pescara per un improvviso malore. Dati alla mano va però detto che entrambe le formazioni hanno registrato qualche alto e baso in questa estate: i rossoneri dopo aver impressionato in Coppa Italia contro il Vicenza sono stati fermati (come era prevedibile) dalla Sampdoria, mostrando però un ottimo stato di forma. "Nessuno dei due è titolare e sarà importante averli sempre sul pezzo". Sarà come al solito presente la Polizia Municipale per agevolare informazione e deflusso e a supporto delle forze dell'ordine che poi si occuperanno del servizio di sicurezza durante la partita. Prima frazione di gioco vibrante con i due tecnici che propongono un calcio propositivo, con un ping-pong di occasioni. Ci prova ancora Deli dalla distanza, ma senza fortuna, al 43′, mentre al 45′ il tiro di Chiricò è insidioso, ma fa solo la barba al palo.

Al 56′ arriva l'inaspettato raddoppio del Pescara: cross dalla destra di Crescenzi, con Pettinari che si fa trovare pronto all'appuntamento con il gol, siglando la sua doppietta di giornata.

TIFOSI - Sono contento della massiccia presenza che ci sarà di nostri tifosi. Dopo pochi minuti viene ancora chiamato il "cooling break" dall'arbitro per il troppo caldo. Al 78′ arriva il quarto gol, a siglarlo è Mancuso.

Tripletta di Pettinari, capocannoniere con Han Kwang-Song. Di Gerbo la rete della bandiera dei ragazzi di Stroppa che, per quello che si è visto in campo, non meritavano un passivo così pesante.

Il boemo dovrebbe schierare dal primo minuto Pigliacelli tra i pali, Crescenzi e Mazzotta difensori esterni, Coda e Perrotta difensori centrali, Proietti, Coulibaly e Brugman a centrocampo, Del Sole e Caputo attaccanti esterni con Ganz al centro dell'attacco biancazzurro.

Foggia (4-3-3): Guarna; Gerbo, Empereur, Martinelli, Rubin; Deli (64' Fedele), Agnelli (78' Beretta), Agazzi; Chirico, Mazzeo, Fedato (62' Floriano). All.