Perotti:"Siamo arrabbiati perchè il rigore…"

Regolare Commento Stampare

La partita si poteva chiudere, poi comunque abbiamo giocato contro l'Inter, non siamo stati fortunati nel raddoppiare e abbiamo perso. Poi si può sbagliare, però non sono contentissimo del VAR: si accetta l'errore e stop, tanto l'errore c'è anche con il VAR...

Il cedimento finale vi preoccupa? Il calcio è così, a Bergamo abbiamo vinto con un tiro, oggi preso tre pali e perso. Non è neanche calcio d'angolo, la palla la tocco io. In queste partite l'intelligenza sta nel capire il momento, la situazione: i giocatori si sono sentiti defraudati per il rigore non dato, era l'unica occasione avuta e ha riaperto la partita. Se giochiamo così non perderemo tanti punti. Tra oggi e domani la Roma e la Sampdoria si incontreranno per definire gli ultimi dettagli della trattativa, che porterà in giallorosso l'attaccante ceco. Gregoire Defrel ha fatto una buona gara, ma ancora non è al meglio.

Nell'azione del rigore cos'è successo? L'arbitro Massimiliano Irrati lascia correre e concede una rimessa dal fondo ai nerazzurri. L'abbiamo visto tutti, c'era rigore e non hanno fischiato, non possiamo fare niente. "Per settanta minuti è andata bene, non mi è piaciuto che ci siamo disuniti dopo il pareggio, lì siamo mancati e non è da grande squadra". Il calcio non è solo prestazione, ma anche se la palla entra o non entra. Siamo migliorati molto rispetto alla scorsa settimana, i movimenti miglioreranno quando potremmo giocare più partite, è complicato quando si cambia sistema.

"Per me sono sempre nella squadra più forte al mondo e lo dimostreremo". Noi dobbiamo migliorare, ma siamo arrabbiati soprattutto per il rigore non dato.

"E' giustissimo, è cativo dentro l'area, fa gol".

Ma il Var, davanti al monitor, non ritiene che le immagini siano così chiare da indurre al'arbitro a rivedere il replay.

Sicuramente è giovane e ha tempo, è capitano dell'Inter da due anni e non è una casualità.