Sisma M 3.5 nelle Marche, attivata nuova faglia a Caldarola

Regolare Commento Stampare

Una scossa di magnitudo 3.5 della scala Richter è stata registrata a Caldarola (Macerata) alle 17:32 di venerdì 25 agosto. I centri più vicini all'epicentro, tra i 5 e i 10 km, sono Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Belforte del Chienti, Serrapetrona, Fiastra, Acquacanina, Pievebovigliana e San Ginesio, tutti in provincia di Macerata. Il sisma è stato seguito da un altro terremoto di magnitudo 2.5 alle 7.22.

Non si registrano nuovi danni, ma, dice il sindaco Luca Giuseppetti, "qui, a Caldarola e in provincia il terremoto continua, tutti i giorni, la scossa si è sentita eppure di noi non parla nessuno". In questi mesi i pompieri ci hanno aiutato tantissimo, ma i due che restavano se ne sono andati" aveva spiegato all'Ansa il primo cittadino, aggiungendo che "Metà paese è in zona rossa: gli sfollati che devono oltrepassare le transenne per andare a recuperare qualcosa in un palazzo inagibile, o hanno comunque necessità di entrare come fanno? "Amatrice, Norcia... per i media noi non esistiamo". Quanto al cambio di governance del post sisma, Giuseppetti spera che si dia "più potere alle Regioni e ai sindaci", che conoscono i territori.