Palermo: pregiudicato assassinato al mercato del Capo

Regolare Commento Stampare

La vittima, che faceva il commerciante, è stata uccisa con alcuni colpi di arma da fuoco. E' stato bloccato mentre fuggiva dai militari dell'Arma.

I carabinieri hanno fermato un 23enne, parente della vittima, che lavorava nel mercato, dove aveva una bancarella di frutta e verdura. Il delitto è stato commesso in una zona delicata e popolosa, vicino al Tribunale, al comando provinciale dei carabinieri e soprattutto al mercato del Capo. Lo Presti è sceso è ha iniziato a sparare a Cusimano, che è fuggito dentro al mercato. Tracce di sangue sono ancora visibili a terra. Gli investigatori lo stanno cercando. L'indagine è condotta dai carabinieri.

Sono momenti di grande fibrillazione in centro città.

Sparatoria nei pressi di Porta Carini all'ingresso del mercato del Capo a Palermo. Cusimano è risultato avere precedenti penali per estorsioni, usura ed associazione a delinquere. Il suo autorevole zio Calogero, che tutti qui chiamano zio Pietro, è stato arrestato il 20 luglio dai carabinieri, per finire di scontare una condanna per mafia.