Allegri: "Per lo scudetto sarà corsa a cinque"

Regolare Commento Stampare

Prima trasferta stagionale per la Juventus di Massimiliano Allegri, che domani alle ore 18:00 affronterà il Genoa di Juric allo stadio Marassi, gara valevole per la seconda giornata di Serie A. I bianconeri sono reduci dalla facile vittoria sul Cagliari, mentre il Grifone ha ottenuto un pareggio a reti bianche sul campo del Sassuolo.

"Qui a Marassi abbiamo sempre fatto fatica- ha ribadito Allegri- L'anno scorso abbiamo evitato di faticare subendo tre gol in 27′. Il nostro obiettivo sarà arrivare alla sosta in piena serenità perché dopo si farà sul serio con partite ogni 3 giorni".

L'allenatore toscano ha poi analizzato il match di domani contro il Genoa: "Domani è una partita che dobbiamo vincere. Se non dovesse esserci Alex Sandro, c'è De Sciglio che può giocare a sinistra". "Il Genoa è agguerrito, in casa è temibile".

Sull'integrazione dei nuovi acquisti Allegri ha dichiarato: "Douglas Costa si sta integrando, come anche Matuidi e Bentancur che è cresciuto molto e credo possa essere la sorpresa del campionato". Al momento siamo questi, al mercato ci pensa la società. Abbiamo una buona base solida e non voglio parlare di mercato, mettiamoci al pari del Genoa. Tiene banco l'infortunio di Marchisio: "Spiace per Claudio che si stava riprendendo - dice - ha bisogno di un mese, mancano dei valori di forza sulla gamba, tra un mese vedremo le sue condizioni, spiace non averlo a disposizione". Alle 18 il figlio del Cholo non ci sarà perchè passato alla Fiorentina, ma comunque l'allenatore della Juve non si fida e quindi farà scendere in campo la migliore formazione.

Ha molte chances di essere titolare, per lui è un anno importante così come per tutti gli altri difensori. "Non saranno semplici le trasferte di Atene e Lisbona". "Scudetto? Il Milan, insieme a Juve, Inter, Napoli e Roma, è tra le 5 squadre che lottano per i primi 4 posti". Però ha fatto un mercato importante, ha preso degli ottimi giocatori, e di conseguenza è tornata tra le candidate per i vertici e questo è un bene per il calcio italiano.