Juventus, le parole di Allegri e Dybala dopo la vittoria sul Cagliari

Regolare Commento Stampare

Si troverà subito di fronte l'entusiasmo del pubblico scaligero a far da contorno al ritorno in serie A dell'Hellas guidato in panchina da un grande ex come Fabio Pecchia. E le risposte sono arrivate e che i gol che hanno schiantato il Cagliari portino tutte le firme della vecchia guardia, di quel tridente "inventato" da Allegri, ovvero Mandzukic (che si conferma imprescindibile), Higuain e Dybala sono il messaggio più chiaro che anche la stessa Juve di un anno fa (senza Bonucci ma con un Rugani promosso a pieni voti e senza Alves) sa come si vince.

Il VAR è una moviola 2.0 perché, mentre quest'ultima aveva la missione di esaminare praticamente ogni episodio della partita come un'ingombrante ombra per l'arbitro, la prima è invece una silenziosissima amica che ti sussurra qualcosa all'orecchio solo in poche circostanze della partita, quelle giudicate "fondamentali" dall'arbitro ai fini del risultato. In realtà si è dimostrato perfettamente accettabile, in particolar modo in caso di "silent check", vale a dire quando la decisione presa dall'arbitro viene considerata valida dall'assistente video. Al 38' in seguito a dei dubbi su un contatto in area tra Alex Sandro e Cop, Maresca consulta il monitor a bordocampo e assegna il rigore al Cagliari contro la Juventus. "Poi, dopo che hanno assegnato il rigore, per fortuna il nostro 'numero uno´ ci ha tolto dal momento di difficoltà". "Quindi si dice 'il Var'".

Che sia di buon auspicio per un pallone più sano e meno critico, dove si parli solo di gesti spettacolari, tattica e tecnica. Per essere sicuro della sua decisione consulta però il VAR che conferma: Koulibaly non disturba il portiere mentre Milik è già in aria quando Nicolas in uscita gli frana addosso. Ruolo che lo sfavorirà alle aste del fantacalcio, a causa dei bonus minori, anche se oggi è arrivato il gol. Probabile che il forte impegno psicofisico della supercoppa vinta abbia influito sulla prestazione dei biancocelesti, i quali pero' hanno bisogno di completare la rosa. Staremo a vedere nei prossimi match, certi che l'italico spirito di polemica saprà tener testa anche a questo.