Champions League, Juventus, Roma e Napoli rischiano gironi di ferro

Regolare Commento Stampare

A questi, prima dell'addio (forzato) a questo passaggio, si aggiunge il Napoli, che ha superato il Nizza: dal 2018-19, l'Italia riavrà di nuovo quattro posti in Champions, senza preliminare e sostanzialmente grazie alla politica, capace di regalare alla Serie A un quarto posto senza preliminari, visto che le Top 4 della nostra lega andranno direttamente alla fase a gironi. L'Italia ha sempre avuto una pessima tradizione con l'appendice di agosto, con solo Fiorentina (2009-10) e Milan (2013-14) che avevano superato i maledetti play-off. Il Real Madrid si presenta per difendere gli ultimi due trionfi, le formazioni italiane vorranno essere assolute protagoniste durante l'annata che ci rivede finalmente al via con tre squadre dopo tanti fallimenti nei preliminari.

Persino in quarta fascia si possono trovare dei pericoli. Ampio vantaggio anche per il Siviglia, che ha vinto 2-1 a Istanbul; Eduardo Berizzo sa però di non dover sottovalutare un Basaksehir che ha grandi ambizioni e ha già fatto vedere di poter andare oltre l'ostacolo. Ai turchi, superati in casa per 2-1, non è bastato il 2-2 ottenuto stasera in Spagna. Pericolosa e molto la seconda fascia che dovrebbe essere composta da Barcellona, Manchester City, Manchester United, Porto, Siviglia, Borussia Dortmund, PSG ed Atletico Madrid. Questo significa che con un semplice 1-0 Maribor e Rijeka si qualificherebbero ai gironi: verrebbe così ampliata la presenza di formazioni balcaniche nella fase finale di Champions League, anche se poi bisognerebbe verificare la competitività di una realtà che fino a questo momento ha lasciato ben poche tracce in questa competizione (ricordiamo negli anni scorse le sfortunate partecipazioni della Dinamo Zagabria).