Var, per Rosetti un buon inizio

Regolare Commento Stampare

Dal primo, storico rigore assegnato "via tv", e parato da Gigi Buffon, duante Juventus-Cagliari, al bis nel secondo anticipo, la vittoria del Napoli a Verona, quando il primo gol azzurro è stato convalidato senza il ricorso al mezzo televisivo. Ma il tempo speso ad attendere il responso finale non è troppo? In due episodi invece si è riparato ad un errore iniziale. Chiaramente si tratta di una tecnologia in fase di sperimentazione e, quindi, da perfezionare prima di renderla definitiva. Si reca nell'apposito box, riguarda l'azione e fischia il rigore per il Cagliari. Azione offensiva del Cagliari, Alex Sandro atterra Cop in area e l'arbitro lascia correre. Ho visto un'ottima reazione da parte dei calciatori, c'è stata una diminuzione delle proteste e i giocatori sono più sereni accettando le varie decisioni. Silent-check dunque, ma l'interpretazione resta soggettiva: con il fermo immagine la palla è palesemente a metà tra braccio e spalla e, dunque, in casi come questi subentra il parere del singolo.

Proteste molto accese però da parte viola per l'intervento al 39′, sul punteggio di 2-0, di Miranda su Simeone: Pioli nel post-partita lo giudicherà da rigore, ma soprattutto è il club manager Antognoni ad alzare la voce: "Non ci è piaciuto per niente l'atteggiamento di Tagliavento, non è andato nemmeno a vedere visivamente il fallo che è stato fatto su Giovanni". In occasione del primo gol degli azzurri, il corner di Callejon sfreccia davanti al portiere Nicolas che esce a vuoto. Anche il numero uno della Figc, Carlo Tavecchio, propugnatore della tecnologia, si è detto "contento" anche se "ci vorrà un po' di 'lubrificazione' per avere la massima corrispondenza". Ma il supporto decreta il cartellino rosso per il difensore del Crotone.

L'impiego del VAR non potrà essere invocato dalla panchine delle due squadre in campo, ma soltanto dallo stesso arbitro e dagli assistenti. Anche in questo caso silent-check e gol regolare, come sentenziato da Fabbri con il classico segno con le mani del video prima di fischiare la ripresa del gioco. In questo caso il video assistente non interviene, considerando, seppur al limite, giusta l'interpretazione del direttore di gara. All'Allianz Stadium di Torino il calcio italiano entra nella new age della tecnologia. A inizio secondo tempo il servizio si è interrotto per circa un quarto d'ora a causa di alcuni problemi tecnici: in questi casi o si trova un sistema alternativo di comunicazione (a Bologna sono stati usati dei walkie-talkie) o si procede semplicemente senza VAR e lo si comunica al pubblico. Potrebbe essere, questa bontà, anche un indirizzo che incontreremo sempre nel corso del torneo: all'Uefa il basso numero di gialli viene accolto con approvazione.