Spagna. Forse fuggito in Francia uno dei terroristi di Barcellona

Regolare Commento Stampare

In seguito la tv pubblica Rtve e l'agenzia di stampa Efe fanno sapere che il terrorista è stato ucciso. Le stesse fonti hanno aggiunto che Abouyaaqoub indossava una cintura esplosiva. Oggi non è chiaro se Julian Cadman fosse effettivamente vivo e sia morto per le ferite riportate nell'attacco, o se le notizie diffuse ieri fossero infondate.

Il bilancio delle vittime degli attacchi terroristici. Lo ha detto il ministro degli Interni catalano, Joaquim Font.

La caccia a Younes Abouyaaquoub, il terrorista alla guida del furgone che ha ucciso 13 persone sulla Rambla di Barcellona, è stata estesa a tutta Europa.

Sette donne e otto uomini. I quindici morti (sei spagnoli, tre italiani, due portoghesi, un belga, uno statunitense, un canadese, più il piccolo Julian Cadman con doppia nazionalità australiana e britannica) sono stati tutti identificati. Secondo una prima ricostruzione, Younes Abouyaaqoub avrebbe accoltellato il proprietario di una Ford Focus allo scopo di rubargliela e utilizzarla per passare indenne il checkpoint della polizia sulla Diagonal. E' quanto rivela stamane Repubblica. "L'uomo - scrive il quotidiano - si chiama Mohamed Houli Chemlal, ha 21 anni, è originario di Melilla ed è l'unico sopravvissuto all'esplosione del covo della cellula ad Alcanar". In precedenza La Vanguardia aveva scritto che l'uomo era stato arrestato. 51 sono ancora in ospedale e 15 di loro sono in gravi condizioni. Ma in quella casa sono state ritrovate ben 120 bombole di butano e ora la polizia sa perché. Invece Julian è spirato poco dopo l'attentato. E l'obiettivo, si legge, era probabilmente la Sagrada Familia, poiché all'interno del cellulare di uno dei membri della cellula sono stati ritrovate "foto della basilica". Questa continua a essere la linea d'indagine della polizia catalana che valuta in 12 il numero dei componenti del gruppo. La vicenda viene trattata con silenzio e riserbo sia da parte delle famiglie, sia da parte del consolato italiano di Barcellona.

Bruno Gulotta e Luca Russo, 35 e 25 anni.