Lazio, caso Keita: Lotito detta legge, Juventus e altre avvisate

Regolare Commento Stampare

E' già stato individuato un profilo per sostituire Keita? A quel punto di regola la Lazio dovrebbe accertarsi che Keita sia veramente malato con una visita fiscale, ma il fatto che appunto il senegalese non sia in Italia, ma sia di fatto fuggitivo in Spagna, rende molto difficile l'espletamento di questa pratica meramente burocratica.

La questione Keita va risolta, perché davanti abbiamo bisogno di un giocatore importante come lui, ma con il presidente e il direttore siamo in sintonia sulle strategie.

Chissà se entro il 31 agosto le strade di Keita e della Lazio si saranno davvero separate. Impossibile ad oggi pensare ad una ricucita con Lotito in primis, ma anche con mister Inzaghi e la squadra. Lotito, dal canto suo, ritiene l'offerta del club bianconero, pari a circa 15 milioni di euro, non congrua tenuto conto che, come dichiarato dallo stesso numero uno laziale, per il senegalese sarebbero giunte offerte anche superiori ai 30 milioni di euro. Dovevamo essere veloci a girar palla. In passato riuscivamo a capitalizzare le tante occasioni create. "Ha fatto un ottimo precampionato poi ha avuto un problema all'adduttore e speriamo di recuperarlo al più presto".

La Lazio può giocare meglio con una punta centrale? Le ultime lo danno a casa sua, a Barcellona, lontano ormai dal suo passato (sì, passato decisamente) biancoceleste.

DETTARE I TEMPI - "Leiva e Luis Alberto sono giocatori diversi. Ripeto, volevamo vincere. Ora cerchiamo di recuperare gli infortunati per andare a Verona e cercare di vincere".

Si è sentita la mancanza anche di Leiva?