Luca Russo, la seconda vittima italiana

Regolare Commento Stampare

Luca Russo è la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona. Si era laureato a Padova e lavorava in un'azienda a Carmignano di Brenta. Secondo l'Ansa, era in città con la fidanzata, Marta Scamazzon, rimasta ferita ma non in gravi condizioni.

Marta, la fidanzata di Luca, è ricoverata in ospedale. Anche Marta è studentessa universitaria iscritta a Padova. Inizialmente si pensava ci fosse solo un connazionale rimasto ucciso, poi il numero è salito a due.

L'APPELLO DELLA SORELLA. "Aiutatemi a riportarlo a casa". Un appello lanciato quando del giovane non si avevano più notizie.

Questa sera tutta Bassano del Grappa parteciperà a una fiaccolata per Luca. Il suo ultimo messaggio su Facebook è del giugno scorso e oggi appare profetico: "Nasciamo senza portare nulla, moriamo senza portare via nulla. E in mezzo litighiamo per possedere qualcosa". Aveva 25 anni, viveva a Bassano del Grappa ed era un ingegnere elettronico. Nessuno a casa, il papà è partito per la Spagna. "È una tragedia nella tragedia, che si consuma all'interno di una guerra senza senso, portata avanti da belve sanguinare che vanno combattute senza pietà".

Oltre Bruno Gulotta, anche Luca Russo ha perso la vita nell'attacco a Barcellona. Ha voluto far sentire la sua solidarietà anche Luca Zaia, presidente della Regione: "Il Veneto perde uno dei suoi figli - dice Zaia, esprimendo vicinanza alla famiglia per la morte di Luca Russo -, la memoria non può che ritornare all'attentato del Bataclan, in cui è stata barbaramente uccisa la nostra Valeria Solesin". Non ci sono ancora conferme ufficiali dell'identità del ragazzo. Tutti me lo descrivono come un ragazzo eccezionale che aveva veramente voglia di fare e di fare bene. Così il sindaco di Bassano del Grappa Riccardo Poletto parlando di Luca Russo. "Apprendere ora che la cosa ha toccato un nostro fratello, un nostro figlio, ci lascia senza parole".

Gli attentati sono stati rivendicati dall'Isis.

In fuga l'autista che ha seminato morte sulla Rambla. Nella notte è stato sventato un altro tentato attacco a Cambrils, città costiera a un centinaio di chilometri da Barcellona. Il bilancio è di un morto e cinque feriti.