Autovelox, cambiano le regole: novità importanti per i cittadini

Regolare Commento Stampare

In caso di controllo elettronico effettuato su entrambi i sensi di marcia, infine, la segnaletica di avvertimento dovrà essere ancora più chiara ed informare gli utenti in entrambi i sensi di marcia, conclude la circolare. Infatti il ministero dell'Interno ha deciso di dire basta all'uso sconsiderato e selvaggio degli autovelox, utilizzati principalmente dalle amministrazioni locali per fare cassa.

L'obiettivo della direttiva è con controlli, mirati e a tappeto, abbattere gli incidenti e la mortalità sulle strade non solo con il controllo della velocità ma delle cinture sempre allacciate anche per chi viaggia sui sedili posteriori, obbligo di utilizzare i seggiolini per i bambini, uso del cellulare alla guida, contrasto specifico alla guida in stato di ebbrezza, ma soprattutto in alterazione da stupefacenti (anche con prelievo della saliva e con la possibilità di valutare sul posto anche l'eventuale alterazione). Ma la direttiva Minniti, nel ribadire questo concetto, fissa delle distanze minime indicative: - 250 metri per autostrade e strade extraurbane principali; 150 metri per le strade extraurbane secondarie e urbane di scorrimento con velocità superiore a 50 km/h; - 80 metri per tutte le altre strade. "Ci sono tratti - spiega il presidente dell'Aci Napoli Antonio Coppola - dove la segnalazione è indispensabile proprio per evitare gli incidenti, sono una tutela per tutti gli automobilisti".

Essi, inoltre, devono essere segnalati adeguatamente attraverso cartelli stradali e dispositivi luminosi che ne preannuncino la presenza.

Recentemente, una vera e propria svolta in materia è stata compiuta dalla tanto attesa sentenza n. 113/2015 della Corte costituzionale, con la quale si è stabilito che gli apparecchi di rilevazione della velocità sulle strade devono essere necessariamente revisionati periodicamente, altrimenti sono irregolari e le multe che derivano da un loro rilevamento illegittime. È quindi nulla la multa con autovelox in caso di controlli saltuari solo sfruttando segnaletica permanente.

È inoltre recente l'eco sui mezzi di informazione della nostra protesta per il rischio di un utilizzo vessatorio e scorretto degli autovelox, in taluni casi non posizionati precisamente per essere un valido deterrente e dare sicurezza, snaturandone quindi la stessa funzione.

Ora questo principio viene ribadito dal Ministero dell'Interno che nella sua circolare stabilisce che gli autovelox devono essere preannunciati con segnali a terra e le postazioni di controllo devono essere visibili. Per cui la multa con autovelox è nulla se fatta sulla base di questi avvisi.