Lazio, Inzaghi: "Si è parlato troppo di Keita, godiamoci la vittoria"

Regolare Commento Stampare

Alla vigilia della finale di Supercoppa Italiana contro i bianconeri, il tecnico della Lazio ha parlato in conferenza stampa allo Stadio Olimpico. Abbiamo provato tante cose, e penso che ci siamo preparati bene per la gara.

Errori da non commettere.

LA SFIDA - "L'ho detto, purtroppo con la Juve siamo sfortunati". È la squadra migliore in Italia, che ha vinto gli ultimi sei scudetti. Dovremo fare la partita perfetta. Abbiamo preso due gol su due palle inattive.

Fuori Felipe, dentro Keita. Sarà un'annata difficile, ma bisogna lavorare con equilibrio. Felipe Anderson difficilmente riuscirà a rientrare, vedremo dopo la rifinitura.

Marusic e Leiva. "Marusic ha dimostrato di essere un giocatore pronto e un ragazzo sveglio: impara l'italiano con velocità". Sia lui che Basta meriterebbero di giocare la finale, devo decidere. Mi sono trovato con Anderson indisponibile, Keita non l'ho visto sereno e quindi sono andato avanti con questi ragazzi. Leiva però mi dà ampie garanzie, ma anche Luis Alberto e Di Gennaro sono ottime soluzioni. Abbiamo fatto un buonissimo pre-campionato. Bonucci? Grande giocatore che stimo. Il tecnico spegne subito la polemica anche su questo punto: "Sapete come è la situazione". Ci sono delle voci, io osservo tutto. Mancano due allenamenti e nelle mia testa c'è una squadra che deve essere al 100%.

LA PARTITA - "I numeri parlano chiaro, abbiamo una tradizione a nostro sfavore". Servirà una partita coraggiosa, perché incontriamo la Juventus. "E' un leader e sono sicuro che ci darà tantissimo". "Essere qui è un onore e vogliamo giocarci la finale nel migliore dei modi". Ogni giocatore se ha la possibilità di giocare una finale è carico per conto suo. Abbiamo fatto una lunga preparazione, senza perdere neanche un'amichevole. "Sappiamo tutti cosa dobbiamo fare".

Timore. "Paura di nessuno, neanche della Juventus, ma è favorita sempre".

Nuovi acquisti. "Li ho visti bene, sono ragazzi splendidi e si sono integrati bene". Vincere non è semplice, ora è tutto in discussione. La partita andava portata ai supplementari, ma ripeto che la Lazio ha meritato il successo. Ringrazio i compagni, mister e società per l'opportunità di essere capitano.