Ecco l'ultimo diario degli sviluppatori di Hellblade: Senua's Sacrifice

Regolare Commento Stampare

Dall'8 agosto è disponibile questa nuova avventura, basata sulla mitologia norrena, ma che cosa dobbiamo aspettarci da questa innovativa esperienza?

Il test di PCGamesN ha portato il contatore delle morti fino a 50 e ha notato come la maledizione letale non si sia espansa oltre il gomito e sia rimasta quasi immutata dopo la prima manciata di morti.

La ragione per la quale Senua si introduce in questo mondo oscuro è la morte dell'amato Dillon, che intende riportare in vita tramite i poteri di Hel, l'unica che possieda la facoltà di riportare un'anima a Midgard, il regno dei viventi. Durante il gioco si è continuamente assillati da una serie di voci esistenti solamente all'interno della mente della giovane guerriera celtica, che rappresentano alcuni degli effetti della sua psicosi.

Sul braccio della protagonista, difatti, è presente una macchia di corruzione che, in qualche modo, tiene conto delle volte che Senua muore.

A questo punto, dissipati - sembrerebbe - i dubbi una volta per tutte, non resta che aspettare una risposta definitiva sulla questione da parte del team di sviluppo per quello che sembra al momento nulla di più che un bluff. Tra le indicazioni nei titoli iniziali, gli sviluppatori suggeriscono di utilizzare delle cuffie per sfruttare l'audio binaurale 3D, che permette di percepire il suono come se effettivamente ci fossero delle persone a sussurrare vicino al nostro orecchio.

Atmosfere dark, narrativa puntellata sulle mitologie vichinghe e una protagonista a tutto tondo non sono gli unici ingredienti di Hellblade: anche il combattimento è infatti molto importante nell'economia di gioco.

Un'analisi tecnica per l'ultima fatica di Ninja Theory.