Arrivano le multe Consob agli ex vertici Etruria: 2,8 milioni in tutto

Regolare Commento Stampare

(Ultime Notizie - Ultim'ora di lunedì 7 agosto 2017) Si va verso la richiesta di archiviazione per Pier Luigi Boschi, padre della sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena, indagato nel filone dell'indagine aretina su Banca Etruria.

Ammonta a un totale di 2,8 milioni di euro, di cui 910.000 dovranno essere pagati direttamente dagli ex-vertici, la multa stabilita da Consob per punire Banca Etruria per aver in pratica ingannato i propri clienti portando al ben noto crack. E' quanto trapela da fonti vicine alla procura. Pierluigi Boschi - ex vicepresidente della Banca - è stato multato, per 40 mila euro, come quasi tutti i membri del vecchio consiglio di amministrazione.

Oltre il danno per i risparmiatori truffati di Banca Etruria è arrivata anche la beffa da parte della Consob. Le multe arrivano dalla Consob grazie ad un'ordinanza firmata la scorsa settimana dal presidente Vegas, "una tegola per i protagonisti di una vicenda su cui sono in corso anche altre procedure, compresa quella penale".

Consob imputa ai componenti del Cda, ai sindaci, al direttore generale e al collegio sindacale di aver violato l'articolo 94 del Tuf che prevede che i prospetti rendano conto fedelmente della situazione patrimoniale dell'emittente e che vengano aggiornati con eventuali fatti nuovi significativi.