Emergenza caldo: venerdì e sabato ancora picchi oltre i 40 gradi

Regolare Commento Stampare

Da domenica 6 agosto si registrerà un primo lieve calo di temperature grazie a una serie di temporali che colpiranno le Alpi e le alte pianure del centro Nord. È un'ondata di caldo eccezionale per la sua durata, ma soprattutto per i livelli di temperatura e per il fatto che non risparmierà nessuna regione.

SITUAZIONE PROSSIMI GIORNI - Da Martedì 1 Agosto l'anticiclone africano Lucifero invaderà l'Italia con tutto il suo carico di temperature roventi e afa. L'ondata di caldo portata da Lucifero, per intensità ha superato quella del 2003!

Le conseguenze di Lucifero - Come già spiegato in precedenza, il caldo da record resisterà fino all'inizio della prossima settimana.

Come comunicano i meteorologi, nella giornata di venerdì, in tutta la penisola il tempo sarà bello, con cieli sereni e poco nuvolosi (LE PREVISIONI). Sulla costa i valori sono superiori di circa 3 gradi. Un leggero miglioramento è previsto per domenica al Nord. Nella giornata di oggi bollino rosso ad Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Viterbo, Torino, Trieste, Venezia e Verona.

Continuerà a fare caldo anche in montagna: a 1000 metri di quota avremo, di giorno, temperature di 30 gradi e oltre (nelle località appenniniche si potranno addirittura sfiorare i 35 °C).

"Se si escludono i Paesi del Deserto del Sahara e del Deserto Arabico, il Pakistan e l'Iran in questi giorni l'Italia, insieme agli stati della West Coast degli USA (California, Nevada e Oregon), è il Paese più caldo al mondo, con temperature diffusamente intorno ai 40C e con picchi massimi di 42-43C". In molti casi verranno superati altri record assoluti e primati storici per il mese di agosto.