Biglia-Bonucci, anche il Banco BPM nega le fideiussioni al Milan

Regolare Commento Stampare

Una situazione surreale, che mette nei guai i rossoneri. Al momento la volontà dell'attaccante dei Blues sembra essere quella di tornare all'Atletico Madrid, ma il club di Via Aldo Rossi non molla la presa e proverà a convincere il bomber spagnolo ad accettare la destinazione rossonera.

Il Milan deve fare presto, entro l'11 di Agosto deve presentare le fideiussioni per ratificare ufficialmente gli acquisti di Bonucci e Biglia.

Franco Ordine, intervenuto nel corso della trasmissione radiofonica "Tutti Convocati" su Radio24, ha parlato così della grande attesa nutrita dal popolo rossonero per la gara di stasera contro il Craiova, soffermandosi anche sull'accoglienza del pubblico a Donnarumma e sulla questione fascia, oltre alle fideiussioni utili al pagamento dei cartellini di Bonucci e Biglia: "L'entusiasmo di stasera è il risultato dell'apertura dei tifosi verso il nuovo Milan". Attualmente i rossoneri, impegnati a cercare garanzie per i pagamenti di questi due acquisti da alcune banche italiane, hanno ricevuto un secco no da parte di BPM. Le regole del sistema creditizio implicano che qualsiasi banca si comporti allo stesso modo nel concedere questo tipo di garanzia.

Secondo quanto riportato da Calcioefinanza.it, BPM ha dato due soluzioni al Milan: liberare qualche asset dato in garanzia a Elliot e girarlo come contro garanzia alla banca, oppure trovare una banca internazionale che contragarantisca.

Il tempo stringe - "Ora sta al Milan scegliere la strada da seguire, anche perché i tempi stringono".