Ancelotti si congratula, anche l'Allianz approva il gioco degli azzurri!

Regolare Commento Stampare

E così il Napoli giocherà domani la finalina del terzo posto contro la perdente di Bayern-Liverpool. Contro il Bayern Monaco, dunque, spazio a qualche comprimario, mentre in attacco l'allenatore schiera il tridente titolare. Entrambe le squadre tentano d'imporre il proprio gioco sin dal 1', in particolare il Bayern.

8' - Ci prova Coman, la sua conclusione viene bloccata facilmente da Sepe. I tedeschi cercano il vantaggio con Kimmich all'11', ma Sepe non si fa trovare impreparato. Risponde il Bayern con Vidal: l'estremo difensore dei partenopei non concede nulla. Ma sulla ribattuta, Koulibaly è il più veloce a deviare in rete. Ghoulam lancia il calciatore con una rimessa laterale lunga e l'attaccante belga prova a tirare solo, ma Fruchtl è bravo a chiudere. Non resta a guardare il Bayern, che fa un tentativo prima con Wintzheimer al 26' dalla distanza e poi con Vidal al 32': il cileno colpisce la sfera con il piede d'appoggio, finendo a terra. Sarri mette dentro Zielinski, Mertens e Rog per Hamsik, Allan e Callejon.

50' - Tentativo dalla sinistra di Tillman, facile la parata per Rafael. "Ci servirebbero 11 Godin" scrivono in tanti sui social, ipotizzando che forse il top-player che manca non è un vice-Hysaj (che invece servirebbe eccome) o un play migliore di Jorginho, o un portiere che possa competere alla pari con Reina ma uno che quando c'è da non tirar la gamba non la tira, uno che se deve spazzare la palla la spazza senza rischiare, uno che se c'è da tirar calci li tira.

Il quadrangolare disputato dagli azzurri in terra di Germania ha certamente fornito a Maurizio Sarri utili indicazioni ed interessanti spunti di riflessione, in vista dell'imminente appuntamento con il preliminare di Champions. Batte Milik, ma la sfera esce fuori di poco. Al 90' l'arbitro dice che può bastare: finisce 0-2 la sfida all'Allianz Arena.