Spalletti vince ma non si accontenta: "Possiamo migliorare. Su Candreva e Perisic."

Regolare Commento Stampare

Ma la trattativa non ha avuto seguito - dice l'allenatore - e il discorso è chiuso. Il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro il Chelsea a Singapore, ultima sfida dell'International Champions Cup, esclude l'addio di Ivan Perisic per cui il Manchester United era arrivato ad offrire circa 40 milioni di euro. "Perisic? E' un giocatore dell'Inter, ma la cosa più importante è la squadra, non il singolo". "Mi opporrò con forza alla cessione".

Quello che è sicuro è che l'Inter se vuole riuscire a trattenere il suo numero 44 dovrà sedersi presto al tavolo col suo agente, Fali Ramadani, per discutere di rinnovo. Al termine dell'esperienza, Spalletti ha rilasciato dichiarazioni che non lasciano spazio a dubbi: "L'anno prossimo non organizzeremo di certo la tournée così, perché si creano dei problemi ai giocatori. Ci siamo dovuti mettere sulla difensiva ma per merito nei nostri avversari". Ulteriori miglioramenti saranno possibili grazie agli innesti che stanno per arrivare: domani Matias Vecino dovrebbe svolgere le visite mediche e poi aggregarsi al gruppo formato dai futuri compagni di squadra (attesi nelle prime ore del mattino in Italia). Anche perché oltre a Juve, Roma e Napoli, ora c'è anche il Milan. Anche il calendario non è stato clemente: "Sul calo probabilmente ha pesato il fatto che abbiamo giocato due giorni fa, questo non viene mai sottolineato", ha aggiunto l'allenatore dell'Inter.