Alta tensione in Aula, Boldrini espelle Di Battista

Regolare Commento Stampare

Il deputato del M5s Alessandro Di Battista è stato allontanato dall'aula della Camera dalla presidente Laura Boldrini, dopo essere stato richiamato all'ordine.

Vari botta e risposta e polemiche si sono susseguiti con la Boldrini, dopo l'allontanamento di Alessandro Di Battista dall'aula della Camera, con i parlamentari dei 5 stelle, intervenuti in difesa del deputato espulso che chiedevano, tra l'altro, la sua riammissione in Aula, ma Laura Boldrini ha risposto: "in un dibattito così importante". Boldrini lo ha interrotto dicendogli che il suo intervento avrebbe dovuto attenersi a questioni riguardanti il regolamento. "Col nostro emendamento nel frattempo la manovra sui vitalizi alla camera la potevamo fare ora", spiega Di Battista sottolineando come gli sia stato spento il microfono ma lui abbia proseguito a parlare. Io allora ho preso la parola per chiedere chi le garantisse che il Senato approvi questa legge, può metterci una mano sul fuoco?

YOUTUBE Di Battista cacciato dalla Camera da Boldrini. "Il mio ruolo - dice Boldrini - è quello di far rispettare e attenermi al regolamento". In particolare Alfonso Bonafede ha attaccato direttamente Boldrini "presidente della Camera non si comprende in base a quale dinamiche". Altrimenti questa cosa purtroppo continuerà perché si parte dal presupposto che se una donna decide di lasciare un uomo, quest'uomo ne possa disporre come vuole fino al punto di ucciderla.

Quando Boldrini ha annunciato l'inammissibilità delle proposte di modifiche al bilancio presentate dal Movimento 5 stelle, Di Battista l'ha incalzata sul Senato che, secondo lei, si occuperà dei vitalizi. Boldrini, alle richieste, ha comunque concesso una apertura: "mi riservo di farle avere una risposta in tempo utile".