Pizzo è oro nella spada ai Mondiali

Regolare Commento Stampare

Gli azzurri Marco Fichera, Enrico Garozzo e Paolo Pizzo approdano agli ottavi di finale del tabellone di spada ai Mondiali di Lipsia.

L'atleta catanese - 34 anni, sergente dell'Aeronautica - nella finale del torneo individuale ha battuto l'estone Nikolai Novosjolov con il punteggio di 15-13.

"Cerco di migliorare ancora". Per la vittoria è decisiva l'ultima stoccata, con Nelip che vince 13-12 ed elimina l'azzurra. "Mi ispiro a Federer che è un vero fenomeno, ha tanti anni più di me eppure resta un ragazzino". Nella stessa giornata l'Italia ha portato a casa anche il bronzo di Irene Vecchi, ma questo è un metallo dal sapore amaro.

Paolo Pizzo, che in gioventù ha sconfitto con grande tenacia un cancro al cervello, raccontando la sua tremenda esperienza in un libro intitolato 'La stoccata vincente', nell'assalto decisivo ha rotto il break portandosi sul 12-8. La livornese è stata battuta in semifinale dalla tunisina Azza Besbes per 15-14 dopo essere stata avanti 8-0 all'inizio e poi 14-11 nel finale. Nonostante il parziale, Pizzo è rimasto lucido e sono arrivati i tre affondi d'oro.

L'Italia sale a quattro medaglie in due giorni perché l'altro podio di giornata è targato Irene Vecchi nella sciabola.