Aritmia, Andrea Catellani lascia il calcio

Regolare Commento Stampare

La notizia ha colto di sorpresa tutti i tifosi della Virtus Entella: Andrea Catellani, arrivato appena 7 mesi fa in Liguria, dovrà appendere le scarpette al chiodo per via di un'aritmia cardiaca. "Un futuro che inizia ora". Il difetto cardiaco è stato riscontrato durante le visite con l'Entella: "Inizio una nuova avventura e bisogna avere la forza di voltare pagina - dice in conferenza stampa -. Sapevo che prima o dopo il pallone si sarebbe sgonfiato e stavo lavorando da tempo per garantirmi un futuro". Catellani doveva essere un pilastro per la prossima stagione dell'Entella, ora purtroppo questo percorso si interrompe, ma stiamo portando avanti un progetto che prevede l'ingresso di Andrea nell'organigramma societario con la qualifica di osservatore e consulente.

Ha dimostrato di tenere a me come persona. Dopo i primi esami, però, mi sono state date due notizie, una buona e una cattiva: la prima è che la mia vita non sarebbe cambiata, la seconda è che non avrei potuto più giocare a calcio ma questo era secondario. Nelle ultime settimane ti siamo stati molto vicini dato che l'intera società si è sentita coinvolta, dal presidente al magazziniere. Ma anche mangiare venti grammi di pasta in più o bere un bicchiere di vino. "La mia battaglia era la loro battaglia", ha concluso l'ex attaccante di Reggiana, Modena, Sassuolo, Catania, Spezia e Carpi. Ringrazio chi mi è vicino, a cominciare da mia moglie che non perde occasione per ricordarmi quali sono le cose importanti nella vita.