Lago Bracciano, Regione Lazio: violazione prescrizioni stop Acea

Regolare Commento Stampare

"Sulla base dei dati aggiornati al 24 luglio 2017 il quadro di severità idrologica è confermato elevato, in particolare per le Regioni Lazio, Umbria e Marche". Un riferimento, quello alla politica statunitense in merito agli accordi di Parigi, che calza non solo con quanto sta accadendo nella torrida estate romana ma anche con gli altri episodi legati al riscaldamento globale susseguitisi negli ultimi mesi, l'ultimo dei quali il distaccamento di Larsen C. Ma, assieme agli sconvolgimenti climatici di dimensioni colossali, c'è anche un'emergenza in atto sul territorio capitolino che non può passare inosservata: "Sarà fatto tutto il possibile - ha detto la sindaca Raggi - per assicurare l'acqua ai cittadini, agli ospedali, ai vigili del fuoco, alle attività commerciali". Per Legambiente "lo stop della Regione alle captazioni da parte di Acea è un atto necessario per salvare il lago". Lo si legge in una nota di Acea Spa.

"Assetare una parte di popolazione per un provvedimento che, sui paventati danni al lago di Bracciano, non avrà alcun effetto benefico, mi appare più che altro una scelta basata sull'onda emotiva, una risposta di pancia solo per accontentare chi protesta".

La Regione Lazio ha deciso di interrompere i prelievi d'acqua dal lago di Bracciano. Anzi, da questa, scrive il Tribunale, "invero si evince che Acea Ato 2 potrà adottare 'misure compensativè per contrastare gli effetti dell'azzeramento del prelievo in contestazione, con ciò volendosi riferire alla possibilità di individuare, eventualmente con l'ausilio di altre autorità competenti in materia, anche altri rimedi purché compatibili con il veduto divieto di prelievo". "È da ottobre - ha sottolineato De Savio - che interloquiamo con regione ed Acea". A fronte, fa notare l'avvocato Falconi, "di un canone annuo di 727,17 euro pagati da Acea per la concessione". I carabinieri del Noe sono entrati poco fa nelle stanze della società partecipata controllata da Roma Capitale.

Secondo le prime informazioni i militari dell'Arma hanno sequestrato documenti relativi alla captazione di acqua del bacino lacustre di Bracciano. "Ad esempio non è mai stato creato un sistema virtuoso del riciclo delle acque piovane, Acea non ha mai provveduto a questo", dice sempre l'avvocato Falconi. Così Nicola Zingaretti, governatore del Lazio, rilancia l'allarme per la mancanza di acqua nella Capitale.