I preparativi per il lancio della Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

Regolare Commento Stampare

Nella Stazione Spaziale Internazionale si recheranno l'astronauta russo Sergey Ryazansky, l'astronauta americano Randolph Bresnik e l'astronauta italiano Paolo Nespoli. Partirà dallo storico cosmodromo di Bajkonur, in Kazakhstan, base storica di lancio delle missioni spaziali sovietiche, creato nel 1955 in attesa però della pensione dato che è stata ormai quasi completata quella nuova di Vostoknij, in Russia. Il viaggio in realtà non sarà particolarmente lungo, basteranno sei ore alla Soyuz per agganciare l'ISS e permettere agli astronauti di mantenersi nello spazio. E per conquistare un primato, quello di permanenza dello spazio fra gli astronauti dell'Esa.

Il 28 luglio sul canale YouTube di AstronautiCAST si potrà vedere la diretta per tutta la durata del lancio, del docking e dell'entrata dell'equipaggio nella Stazione Spaziale. Ora, a ben 10 anni dal suo primo volo, avrà l'occasione di visitare il laboratorio orbitante una terza volta con la missione VITA. Addirittura attraverso la app verrà realizzato un collage che richiamerà l'opera Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto. Esperimenti biomedici e tecnologici che aiuteranno a preparare il futuro dell'esplorazione spaziale umana. "Sono pronto fisicamente e tranquillo, concentrato sugli esperimenti che condurrò in orbita" ha dichiarato a Skytg24 l'astronauta lombardo. In un tweet ha raccontato che i manuali Soyuz sono su tablet, ma ha mostrato che ci sono anche le copie cartacee. E magari sarà un fumetto edito dalla Panini! Prezioso è stato il contributo di Paolo Nespoli che, insieme a Rat-Man, sarà il protagonista di questa avventura.

Porterà il transformers del figlio Max Porterà in missione anche un paio di orologi, fotografie e due anelli.

Tre elementi risaltano: un filamento di DNA come simbolo di vita e di scienza, un libro come simbolo della cultura e dell'istruzione, e la Terra come simbolo dell'umanità.

A chi gli domanda se la missione VITA segnerà il suo congedo dallo vita di astronauta, Paolo Nespoli risponde a tono. Il disegno simbolo è stato "catturato" alle 18.56 del 6 aprile scorso, nel giorno del 60esimo compleanno dell'astronauta Paolo Nespoli, da un satellite radar per l'osservazione della Terra.