Nave anti-immigrati, arrestati il comandante e il proprietario

Regolare Commento Stampare

"Secondo quanto ci hanno riferito - sostiene Defend Europa - stavano per tornare nel proprio Paese d'origine quando delle Ong gli hanno offerto di restare in Europa e di richiedere asilo a Cipro". A sostenerlo Defend Europe, organizzazione di destra promotrice della missione. "Quindici apprendisti hanno rifiutato, tornandosene a casa, mente altri cinque si sono fatti corrompere ed ora stanno costruendo false accuse contro il proprietario della nave".

La nave, ricordiamo, avrebbe dovuto far rotta verso Catania per imbarcare l'equipaggio composto da volontari di Generazione Identitaria e il sindaco Enzo Bianco ha già annunciato di voler vietare l'accesso al porto siciliano.

La nave "nera" C-Star, che annunciava l'inizio della perlustrazione nel Mediterraneo appunto e la sorveglianza nelle acque della migrazione e nei porti degli sbarchi, è stata fermata a Famagosta, Cipro, armatore e comandante arrestati, equipaggio, compresi una ventina di cingalesi Tamil, sbarcato a terra. Essere accusata di trasportare... migranti.

A bordo dell'imbarcazione sono stati trovati 20 tamil e l'accusa nei confronti dei due è di traffico di esseri umani e documenti falsi. A darne notizia è il quotidiano cipriota Yeniduzen, che aggiunge che il capitano e il suo vice sarebbero stati rilasciati. Alcuni componenti dell'equipaggio, originari dello Sri Lanka, avrebbero pagato per salire a bordo.

In una nota su Twitter, la Defend europe definisce i venti stranieri "apprendisti marinai che hanno pagato per fare miglia su quella nave al fine di convalidare il loro diploma".

È questo, almeno per il momento, il surreale epilogo della missione della C-Star, la nave presa in affitto dagli attivisti di Defend Europe, un'associazione di destra che fa capo a un ex primotenente dell'Esercito svizzero, Jean-David Cattin (vedi articolo suggerito).