La maestra di Rivarossa che su Facebook si vanta di essere fascista

Regolare Commento Stampare

L'ultimo caso in ordine di tempo riguarda una maestra di scuola elementare che insegna nella zona del Canavese, che nei giorni scorsi si sarebbe vantata sul proprio profilo Facebook di essere fascista. L'insegnante ha in seguito rivendicato la sua libertà di pensiero e di espressione, manifestando profonda gratitudine per coloro che l'hanno sostenuta in queste giornate difficili.

In merito alla vicenda si è espresso anche il Partito Democratico di Castellamonte, che reso noto che "Le esternazioni web della maestra in servizio presso la direzione didattica di Castellamonte, paiono al limite del reato di apologia del fascismo una cosa è sicura: Castellamonte, città decorata con la medaglia d'argento alla Resistenza, nelle sue aule scolastiche meritava frequentazioni migliori". "La mia era una ricerca sociologica, una provocazione", ha spiegato a Repubblica Torino. L'insegnante, però si difende. "Viene naturale chiedersi se questa docente, quando si trova di fronte dei bambini di 10 anni, sia in grado di insegnare loro a distinguere la democrazia dalla dittatura fascista".

A sostegno della maestra si è fatta sentire la voce di Luigi Cortese, coordinatore Regioni Piemonte e Valle d'Aosta di Forza Nuova che in una nota ha voluto offrire aiuto e vicinanza, aggiungendo che: "non si può colpire un'idea solo perché ci sono steccati ideologici vecchi ed ormai obsoleti". La segnalazione ha portato ad accertamenti, al momento in corso, ma la donna si è difesa.