Arrestato "per amore" Johnny lo Zingaro. Condannato all'ergastolo era evaso

Regolare Commento Stampare

Giuseppe Mastini evaso il 30 giugno scorso dal carcere di Fossano, in provincia di Cuneo, ed è stato catturato a Taverne D'Arbia, frazione di Siena.

E' stato tradito dall'amore Giuseppe Mastini, 57 anni, conosciuto come Johnny Lo Zingaro.

L'arresto è avvenuto a casa della sorella della sua compagna, spiega il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria (Nic), che con il supporto operativo della diramazione regionale del Piemonte e della Toscana, alle ore 19.30 ha partecipato all'arresto del latitante. Al momento dell'irruzione era con Giovanna Truzzi, 58 anni, a sua volta evasa dagli arresti domiciliari che scontava a Pietrasanta a Lucca.

Secondo quanto si apprende, la Polizia ha seguito le tracce dell'uomo fin da quando era fuggito su un taxi a Genova.

Gli agenti della Direzione Centrale Anticrimine hanno messo in campo le più sofisticate tecnologie: l'uomo è stato infatti individuato a Pietrasanta, da dove poi si è allontanato insieme alla compagna. Gli agenti si sono finti corrieri che dovevano consegnare un materasso. Proprio l'evasione dalla misura cautelare della donna ha attivato gli investigatori che sono risaliti ad un appartamento di proprietà della famiglia di lei: qui hanno trovato anche l'ergastolano. Anche perchè Johnny Lo Zingaro, semmai, era: evaso! Un'amicizia che lo fece finire tra i sospettati dell'omicidio di Pier Paolo Pasolini. Approfittando di una licenza premio per buona condotta, Mastini fu protagonista di sanguinose scorribande che impegnarono le forze dell'ordine in una vera e propria caccia all'uomo, tra furti d'auto e rapine, il sequestro di una ragazza, Silvia Leonardi, l'omicidio di una guardia giurata, Michele Giraldi, e il ferimento di un brigadiere dei carabinieri, Bruno Nolfi.

MINNITI - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, ha telefonato al capo della Polizia, Franco Gabrielli, per congratularsi dell'operazione.