Vitalizi, la riforma oggi in Aula alla Camera

Regolare Commento Stampare

Ci sarà compattezza del gruppo e una forte volontà nostra: "è una legge che rivendichiamo con forza": "lo afferma a RaiNews24 il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato, a proposito della proposta Richetti sui vitalizi che oggi sarà in Aula alla Camera. E' quanto scrivono in una nota i deputati M5S della commissione Affari costituzionali, che aggiungono: "Il Pd, finora, ha fatto opposizione al suo stesso ddl". Ben pochi avranno il coraggio di votare contro. Alla Camera, poi, si vive anche uno scontro generazionale tra i quarantenni alla prima legislatura e quelli con più legislature alle spalle, ma niente che lasci supporre fibrillazioni che mettano a rischio la tenuta del 'fronte del Sì', sponsorizzato da Renzi, che intende sottrarre ai grillini l'arma di propaganda. E non dovrà meravigliarsi quando passerà la ronda a prelevarli da casa per portarli in giro per le strade a raccogliere ogni tipo di ingiuria ed umiliazione. "Ora speriamo che il Pd favorisca un iter del provvedimento veloce e, soprattutto, garantisca i voti necessari della sua maggioranza in entrambe le Camere, opponendosi al voto segreto". Rispetto al rischio che la Corte Costituzionale annulli tutto "il rischio c'e'- dice il deputato Dem- ma io sulla Costituzione leggo che tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge". Alla domanda se il M5S si fidi del Pd per abolire i vitalizi, il leader pentastellato ha risposto: "Non è questione di fiducia o non, ma di moralità". Nei giorni scorsi, a Montecitorio alcuni parlamentari di antico lignaggio politico facevano i conti sostenendo che per quelli con decenni di anzianità, sarebbe più conveniente il ricalcolo piuttosto che il contributo di solidarietà varato mesi fa dalla Camera, che taglia le pensioni in proporzione alla loro ampiezza (e su cui sono già fioccati i ricorsi). Va inoltre ricordato che nel 2015 una delibera dell'Ufficio di Presidenza di Palazzo Madama ha disposto la cessazione dell'erogazione degli assegni vitalizi e delle pensioni agli ex senatori condannati in via definitiva per reati di particolare gravità.

Ci sarà anche Beppe Grillo stamane nell'aula di Montecitorio (ovviamente nella parte riservata al pubblico) per assistere al dibattito sul disegno di legge che abroga i vitalizi. Se la Corte dira' che questa legge e' incostituzionale se ne prendera' al responsabilita'. "Ma una resa preventiva non è possibile, altrimenti l'Italia non cambia mai".