Emergenza a Roma, il governatore Zingaretti: "Non abbiamo più acqua"

Regolare Commento Stampare

E quando arriva la ferale notizia? E a Latina, rende noto la capogruppo M5s in Consiglio regionale del Lazio Gaia Pernarella, "sono quasi due mesi che l'acqua è razionata".

Ma cosa sta accadendo realmente?

Martina ha quindi sottolineato che si sta "andando avanti anche nel piano strategico per dare ai nostri territori infrastrutture irrigue migliori, più efficienti e con meno spreco di acqua". Abbiamo tempo sette giorni per trovare tutte le possibilità al fine di limitare al massimo il disagio per i cittadini, ma è sbagliato chiudere gli occhi. Il problema c'è ed è grave. Un provvedimento che il 26 giugno ha scatenato anche in questo caso le proteste del Parco dei Monti Simbruini, l'area protetta più grande del Lazio, e dei 7 Comuni del polmone verde, preoccupati per la salvaguardia del "minimo deflusso vitale dell'Aniene", il cui corso è in evidente magra. "Ma l'uso razionale dell' acqua è il problema che dobbiamo porci per il futuro". "Vorrei invitare il presidente americano Donald Trump a Roma questi giorni, per fargli capire cosa significa rispettare gli accordi sul clima", ha concluso il presidente della Regione. "Ora è il tempo di trovare una soluzione, dialogando e parlando credo che si possa trovare". Acea minimizza dicendo che si tratta di un abbassamento del lago di "soli 1,5 millimetri" al giorno e incolpa delle perdite di acqua i sindaci degli ultimi anni che hanno scelto di investire non sulla rete idrica ma in fognature e depurazione. Allo studio c'è anche il raddoppio dell'acquedotto del Peschiera, che si trova in provincia di Rieti e fornisce alla Capitale 9.100 litri al secondo. "Non faremo il bene dell'immagine della Capitale d'Italia". "Noi l'acqua non la fatturiamo, le soluzioni le abbiamo esposte al presidente della Regione in una mia lettera del 4 luglio scorso". Il piano programmato, naturalmente comporterebbe la tutela di ospedali, vigili del fuoco e delle altre attività sensibili. "Va fatto quanto necessario per aiutare e tutelare oltre un milione di romani".

La sua preoccupazione è che "Sia fatto tutto il possibile". Se le promesse sullo sgombero dei campi rom abusivi si sono sciolte come neve al sole - anzi, sono pure stati stanziati diversi milioni per regalargli le case - il controverso rapporto fra il sindaco di Roma Virginia Raggi e i rom non manca di toccare nuove vette. La situazione nel Lazio.

Ribadisco: tra i procurati e inutili allarmismi su certi temi, e il nascondere informazioni sensibilissime per tutta la popolazione, io vedo solo la mala gestione e l'informazione pilotata. Tecnicamente si tratta solo di ovviare a quell'8 per cento di risorse che arrivano dal lago. Infatti ad Acea Ato 2, è stato confermato Paolo Saccani, insediatosi nel precedente vertice renziano - boschiano e l'attuale amminisratore delegato di Acea, Stefano Donnarumma, è stato richiamato a capo della società dalla giunta grillina dopo che qualche anno fa era uscito dalla utility per divergenze con il management precedente.