Tari quest'anno meno cara

Regolare Commento Stampare

Nel 2017, tuttavia, rispetto ai tassi registrati nel 2016, l'esazione ha visto ridurre il proprio importo nell'ordine dell'1,8% in 12 mesi. I dati sono contenuti nel dossier realizzato dalla Uil servizio politiche territoriali, che ha elaborato i costi in 100 citta' capoluogo di provincia, per una famiglia con casa di 80 metri quadrati e 4 componenti.

Scende leggeremente, quest'anno, il peso della Tari, la tassa sui rifiuti nata nel 2014 per la quale le famiglie italiane spenderanno in media 295 euro, a fronte dei 300 dello scorso anno.

Dietro la girgentani, che nel 2017 sborsano la cifra piu' elevata, arrivano gli abitanti di Pisa, con 473 euro, seguiti dai cittadini di Benevento, con 470 euro, dai siracusani (466 euro) e dai salernitani (462 euro). Agrigento è la città con la Tari più cara dItalia (474 euro), mentre i più fortunati sono i Bellunesi che pagano 150 euro. In 4 anni però il tributo ha registrato un incremento dell'1,1%. Nel corso dell'ultimo anno infine, la Tari è aumentata in 37 città tra cui Torino, Genova, Venezia, Firenze e Bari; e rimasta stabile in 25 città, tra cui Napoli, Bologna, Cagliari e Reggio Calabria; ed è diminuita in 38 città, tra cui Milano, Roma e Palermo. Torino si conferma in testa alle città metropolitane anche per questa analisi sul lungo periodo, avendo registrato un notevole +34,1%, mentre Palermo con un -10,9% è stata quella dove si è speso sempre meno.