Linkin Park, una lettera aperta a Chester Bennington

Regolare Commento Stampare

La sua morte ha sconvolto il mondo della musica e ha ovviamente "costretto" la band ad annullare il tour mondiale: "Siamo incredibilmente dispiaciuti per la notizia della morte di Chester Bennington". Prima di Chester Bennington, infatti, c'era già stato il suicidio di Chris Cornell, frontman dei Soundgarden la cui morte ha scosso non poco l'ormai ex-cantante dei Linkin Park. I componenti della band, Mike Shinoda, Brad Delson, Phoenix, Rob Bourdon e Joe Hahn, hanno diffuso il testo attraverso i profili social dei Linkin Park, associando al ricordo del cantante un invito ai fan a diffondere i contatti utili per prevenire ulteriori casi di suicidio.

'Caro Chester, i nostri cuori sono spezzati. Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una torrente di amore e sostegno, sia pubblico che privato, proveniente da tutto il mondo. Talinda e la famiglia lo apprezzano e vogliono che il mondo sappia che tu eri il miglior marito, il miglior figlio e il miglior padre: la famiglia non sarà mai più completa senza di te.

Parlando degli anni che ci avrebbero aspettato insieme, il tuo entusiasmo era contagioso. "La tua assenza lascia un vuoto impossibile da riempire", hanno detto i ragazzi della band. Stiamo cercando di ricordare a noi stessi che i demoni che ti hanno portato via hanno sempre fatto parte del patto. Dopotutto è stato il modo in cui tu hai cantato di quei demoni che ha fatto sì che tutti si innamorassero di te dal principio. Li hai messi in mostra senza paura, e cosi 'facendo, ci hanno riuniti e ci hanno insegnato ad essere più umani. " in italiano "I Blink 182 sono distrutti per la perdita del nostro grande amico ed incredibile musicista Chester Bennington, non possiamo proprio immaginare di suonare nei Blinkin Park senza il suo incredibile talento e voce, non è assolutamente possibile". Non sappiamo dove ci porterà il futuro, ma siamo sicuri che le nostre vite sono migliori grazie a te.