Moratti: "Milan, mercato sorprendente. Bravi nel caso Donnarumma"

Regolare Commento Stampare

L'ex patron dell'Inter, Massimo Moratti, ha parlato così sulle frequenze di Radio Uno: "Clamoroso il mercato del Milan?". E' abbastanza sorprendente perché non sembrava dovesse essere così, invece - ha proseguito - si è mosso molto bene, si sta muovendo bene. Noi abbiamo sempre Mourinho in mente come esempio migliore. Buono, molto buono. Sono stati molto bravi a uscire in questo modo dal caso Donnarumma, inoltre hanno un ottimo allenatore. Ha tanto carattere e questo aiuterà di certo l'Inter. "Credo che sapranno reagire presto, anche loro hanno un buon condottiero con Allegri".

Sul colpo Bonucci: "Che effetto mi fa vederlo in rossonero?"

Sull'altrettanto spinoso caso-Bonucci, Moratti dichiara: "Se mi dà fastidio che sia al Milan?". "Come risponderà l'Inter a questi colpi?" Gli acquisti di Skriniar e Borja Valero? E infine Ibrahimovic, il vero sogno di Moratti: "Io lo prenderei sempre, e quando sarà guarito sono sicuro che troverà la squadra adatta a lui, una grande squadra". La Juventus fa sempre acquisti azzeccati e di grande livello. "Ma con l'allenatore e il carattere dei suoi giocatori, certamente ci riuscirà a rimettersi in pista". "Credo che non sarebbe male che fosse accompagnato da un altro attaccante di grande livello", ha aggiunto Moratti che su un ritorno in futuro al timone all'Inter, ha detto: "Oggi c'è un rapporto molto cortese con la proprietà che mi tiene informato su quello che sta facendo, seguo come tifoso con la speranza che possano riuscire a prendere dei successi". Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.

"Icardi? Speriamo che quest'anno possa esprimersi con continuità, questa è la cosa principale, ne ha certamente i mezzi, è un campione dal punto di vista delle qualità che ha, però bisogna saperlo dimostrare sempre nelle partite difficili e sapendo trascinare gli altri".